AGENDA
dal 23 Febbraio 2016
al 23 Febbraio 2016
Firenze - Spazio SUC, Piazza delle Murate

Il convegno di Legautonomie Toscana, in collaborazione con l'Anci Toscana, vedrà la partecipazione di Matteo Biffoni, Presidente Anci Toscana e Sindaco di Prato, Marco Filippeschi Presidente Legautonomie e Sindaco di Pisa, Sergio Marzari esperto di finanza locale, Cesare Cava esperto di finanza locale, e Luciano Benedetti, Francesca Cassandrini, Nicola Falleni e Davide Zenti, membri della Consulta tecnica dei responsabili finanziari che coordineranno i lavori.

In allegato il programma.

1 Marzo 2016
Roma, Università La Sapienza

Il Master avrà inizio a marzo 2016 e terminerà a novembre 2017. Il termine ultimo per la presentazione delle domande di iscrizione è il 29 gennaio 2016.
Legautonomie è tra gli enti che hanno concesso il Patrocinio.

LE NOSTRE RIVISTE
12 Febbraio 2016
Sono 101 i Comuni italiani dove, dal 2010, si sono registrati impatti rilevanti legati a fenomeni atmosferici estremi, con 204 eventi tra allagamenti, frane, esondazioni, con danni alle infrastrutture o al patrimonio storico. Secondo i dati del Cnr, dal 2010 al 2015 le sole inondazioni hanno provocato in Italia la morte di 140 persone e l’evacuazione di oltre 32mila cittadini. Negli ultimi 5 anni sono stati 91 i giorni di stop a metropolitane e treni urbani nelle principali città italiane; 43 invece i giorni di blackout elettrici dovuti sempre al maltempo. E se questi sono gli impatti più noti e visibili, non meno rilevanti sono gli impatti sanitari provocati dalle ondate di calore. Numerose ricerche hanno infatti dimostrato l’associazione tra elevate temperature e salute della popolazione, in particolare dei soggetti a rischio, soprattutto anziani che vivono in ambiente urbano.
I cambiamenti climatici in atto richiedono nuove forme di risposta alle emergenze e ai pericoli che incombono anche sulle nostre città. Nuove forme di pianificazione e di gestione delle aree urbane sono necessarie per mettere in sicurezza i cittadini e ridurre gli impatti sui quartieri e sulle infrastrutture dei centri urb... continua
12 Febbraio 2016
Nel 2016 i Comuni non possono istituire l'imposta di soggiorno, anche se già prevista nel bilancio pluriennale. Lo ha chiarito la Corte dei Conti Abruzzo con il parere n. 35/2016. La magistratura contabile abruzzese ha evidenziato che la finalità del comma 26 della legge di stabilità 2016 è quella di mantenere invariato nel 2016 il livello complessivo di pressione tributaria, attraverso un congelamento generalizzato dei tributi degli enti territoriali rispetto alle aliquote in vigore nel 2015.
12 Febbraio 2016
Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del 9 febbraio 2016 del Dpcm 23 dicembre 2015, scatta l'obbligo di acquisizione di alcune tipologie di beni e servizi facendo ricorso alle iniziative dei soggetti aggregatori. Il decreto ha individuato le categorie merceologiche di forniture di beni e di servizi che le amministrazioni pubbliche devono acquistare utilizzando le convenzioni centralizzate e gli altri strumenti.
L'elenco riportato nel decreto include molti beni in uso nel settore sanitario, ma anche cinque servizi che sono ampiamente utilizzati dagli enti locali e le relative soglie dalle quali parte l'obbligo, che per gli enti locali è posticipato di sei mesi.
11 Febbraio 2016
I piani di razionalizzazione dovranno prevedere l'addio alle società che nell'ultimo triennio hanno fatturato in media meno di un milione di euro, oltre a quelle con più amministratori che dipendenti, ma anche alle società-doppione, che sono cioè attive in settori già coperti da altre partecipate, e a quelle che hanno chiuso 4 degli ultimi 5 bilanci in perdita (a meno che siano attive nei servizi di interesse generale) e alle società che non rientrano in uno dei settori consentiti dalla riforma. Confermate anche le sanzioni (da 5 mila a 500 mila euro) per le amministrazioni che non scrivono i piani di razionalizzazione.
Per quanta riguarda le escluse dall'ambito di applicazione della riforma delle partecipate, nell'elenco troviamo Expo-Arexpo, la società che deve gestire la partita dei terreni nella fase post-esposizione, Coni servizi, Invimit, Poligrafico, Sogin, Anas, Invitalia, Eur Spa e il gestore dei servizi energetici (Gse).
In allegato il testo unico sulle partecipate «bollinato» dalla Ragioneria generale dello Stato.
5 Febbraio 2016
La nuova fiscalità locale - Gestione, Tax gap, contenzioso
Sarà presentato al convegno "La gestione dei bilanci 2016 - Consulta tecnica dei responsabili finanziari" il 23 febbraio a Firenze
La fiscalità locale non riesce a trovare stabilità e le modifiche normative che intervengono annualmente ne cambiano le regole e le dinamiche, obbligando gli enti locali a rivedere piani pluriennali e programmazioni strategiche di medio e lungo periodo.
In allegato la premessa del nuovo libro di Cesare Cava, Segretario Legautonomie Toscana ed esperto di finanza e fiscalità locale, che sarà presentato il 23 febbraio in occasione del convegno di Legautonomie Toscana, in collaborazione con l'Anci Toscana, che si svolgerà a Firenze.
Il convegno "La gestione dei bilanci 2016 - consulta tecnica dei responsabili finanziari" vedrà la partecipazione di Matteo Biffoni, Presidente Anci Toscana e Sindaco di Prato, Marco Filippeschi Presidente Legautonomie e Sindaco di Pisa, Sergio Marzari esperto di finanza locale, Cesare Cava esperto di finanza locale, e Luciano Benedetti, Francesca Cassandrini, Nicola Falleni e Davide Zenti, membri della Consulta tecnica dei responsabili finanziari che coordineranno i lavori.
In allegato il programma completo.
4 Febbraio 2016
Povertà, il testo del ddl
Pochi giorni fa il Governo ha approvato lo “Schema di disegno di legge di delega recante le norme relative al contrasto alla povertà, al riordino delle prestazioni e al sistema degli interventi e dei servizi sociali”, cosiddetto “ddl povertà”. Lo schema di disegno di legge si pone in continuità con la Legge di Stabilità, all’interno della quale, come già analizzato, è previsto un Fondo di 600 milioni di euro per l’anno 2016 e 1 miliardo per il 2017.
2 Febbraio 2016
Contrasto alla povertà e inclusione sociale, Alleanza contro la povertà: “Mancano 5,5 miliardi. Governo riveda la legge delega”
Il ministro Poletti ha lanciato il progetto di un sostegno economico pari a circa 320 euro al mese per "280 mila famiglie, 550 mila bambini e quasi 1 milione e 150 mila persone". Ma la legge di Stabilità ha stanziato a regime solo 1,5 miliardi di euro l'anno. Troppo poco secondo l'Alleanza contro la povertà: per raggiungere questi obiettivi bisogna investire 7 miliardi di euro (contro gli 1,5 messi sul piatto dal governo) e fornire gli strumenti adeguati ai servizi di welfare locale.
1 Febbraio 2016
Le riforme che alleggeriscono i bilanci degli enti locali non devono rendere impossibile lo svolgimento delle loro funzioni: i tagli "sproporzionati" infatti violano non solo l'autonomia finanziaria delle amministrazioni territoriali, prevista dagli articoli 117 e 119 della Costituzione e il "buon andamento" della pubblica amministrazione tutelato dall'articolo 97, ma più di tutto entrano in conflitto con il principio dell'eguaglianza sostanziale di fronte alla legge fissato dall'articolo 3.
1 Febbraio 2016
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella riunione del 20 gennaio presieduta da Stefano Bonaccini, ha approvato un documento sul ruolo delle Regioni nelle politiche di inclusione sociale attiva nella strategia Europa 2020 e nell’ambito del piano nazionale di contrasto alla povertà.
Il documento è stato oggetto di specifici approfondimenti da parte di tre Commissioni della Conferenza delle Regioni: la Commissione istruzione e lavoro (coordinata dalla Regione Toscana), la Commissione politiche sociali (coordinata dalla Regione Molise) e la commissione affari comunitari e internazionali (coordinata dalla regione Umbria) ed era già stato preannunciato e illustrato in linea di massina dal Presidente della Toscana, Enrico Rossi.
Il documento è stato inviato dal presidente Bonaccini al ministro Giuliano Poletti, ed è stato pubblicato sul sito www.regioni.it.
In allegato il documento approvato.
29 Gennaio 2016
Green Book 2016, i dati sulla gestione dei rifiuti urbani in Italia
VI edizione per il Green Book, a cura della Fondazione Utilitatis in collaborazione con Cassa Depositi e Prestiti. Lo studio propone una panoramica degli aspetti organizzativi ed economici della gestione del ciclo dei rifiuti urbani in Italia, con approfondimenti sulle principali grandezze tecniche ed economiche del settore che permettono di comprenderne la dimensione, le caratteristiche e le tendenze evolutive.
Secondo il rapporto, la gestione del servizio dei rifiuti è ancora ''troppo frammentato'', con '463 società' che si occupano di igiene urbana; il 4% degli operatori genera il 40% del fatturato che si attesta a 10,5 miliardi di euro.
29 Gennaio 2016
È stato pubblicato sul sito della Finanza locale il Dpcm del 29 dicembre 2015 che assegna a 86 enti locali, che ne hanno fatto richiesta in base al comunicato del Viminale del 19 agosto 2015, il contributo erariale previsto dal comma 13-quater dell'articolo 8 del Dl 78/2015. Si tratta di 30 milioni di euro, da ripartire tra province e città metropolitane, per le esigenze relative all'assistenza per l'autonomia e la comunicazione personale degli alunni con handicap fisici o sensoriali e per i servizi di supporto organizzativo del servizio di istruzione per gli studenti con handicap o in situazione di svantaggio.
La Direzione centrale della Finanza locale, quando il decreto avrà avuto il via libera dalla Corte dei conti, provvederà ad attribuire le risorse.
26 Gennaio 2016
Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 18 gennaio 2016 del Collegato ambientale alla legge di stabilità 2014 (legge 28 dicembre 2015 n. 221) entrano in vigore alcune importanti norme che favoriscono l’implementazione del Green Public Procurement (Gpp), dovendosi intendere con tale espressione l’insieme degli strumenti giuridici volti a promuovere la graduale integrazione degli interessi ambientali nella disciplina legislativa degli appalti pubblici.
L’impatto di tali modifiche appare articolato, ma deciso nella direzione dell’attribuzione di un peso e una portata sempre più vincolanti nella previsione dei criteri ambientali quale elemento determinante nella valutazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa, e quindi nel potere di scelta del contraente da parte della pubblica amministrazione.
26 Gennaio 2016
In attesa della pubblicazione in G.U., si ritiene utile diffondere il testo del decreto del Ministro dell’economia e delle finanze n. 98886 del 25 gennaio 2016 – adottato in attuazione dell’articolo 11, decreto legge 25 novembre 2015, n. 185 – concernente il riparto degli spazi finanziari disponibili per i pagamenti sostenuti dai comuni nell’anno 2015, con risorse proprie in cofinanziamento, per interventi relativi a linee metropolitane approvati dal Comitato interministeriale per la programmazione economica nel trasporto (CIPET) ai sensi dell’articolo 5, comma 1, della legge 26 febbraio 1992, n. 211, ai fini degli adempimenti di cui all’articolo 2, della legge 29 dicembre 1969, n. 1042.
22 Gennaio 2016
Dalla Scia semplificata alla stretta sugli assenteisti: i primi decreti della riforma Pa
Il primo pacchetto attuativo della riforma della Pa (legge 124/2015, in Gazzetta dallo scorso agosto) ha iniziato il suo percorso al termine di una riunione in notturna dei ministri a palazzo Chigi. Sono undici i provvedimenti arrivati al primo esame e che ora si avviano ai pareri delle commissione parlamentari competenti.
Tra i testi un decreto legislativo che anticipa la semplificazione annunciata della Scia, in attesa del provvedimento più ampio che individuerà le attività per le quali sarà prevista l'autorizzazione espressa, e nuove norme contro gli assenteisti (compresa la responsabilità penale per il dirigente che non prende provvedimenti).
Non mancano nuove regole sulla trasparenza: si obbligano le amministrazioni a pubblicare in maniera chiara tutti dati di spesa, con particolare riferimento alle retribuzioni dei dirigenti; i cittadini potranno chiedere di conoscere dati e documenti alla Pubblica amministrazione; l'accesso ai dati è gratuito e la richiesta andrà soddisfatta entro trenta giorni.
21 Gennaio 2016
Riforme, sì del Senato, testo passa a Camera per approvazione definitiva
ottobre si andrà al referendum confermativo
Il Senato ha approvato ieri con 180 voti a favore,112 no e 1 astenuto, il ddl con le riforme costituzionali. La parola passa ora alla Camera per l'approvazione definitiva del testo.
La riforma modifica e completa quella del Titolo V del marzo del 2001, che ha introdotto il federalismo.

X Questo sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookies tecnici di terze parti per l'analisi aggregata del traffico allo scopo di ottimizzarne navigazione e contenuti.
Per maggiori informazioni, consulta la privacy policy del sito.