21 Gennaio 2019

DL Sicurezza, Matteo Ricci: "Legautonomie mobilitata contro DL Sicurezza: inviato odg a tutti i Comuni; a febbraio le prime iniziative territoriali"

Legautonomie sostiene la battaglia degli amministratori locali che chiedono con forza la modifica del Dl Sicurezza. Il decreto 113/2018 contiene norme di dubbia legittimità costituzionale, pone seri problemi applicativi creando un grave conflitto tra le nuove norme e vecchie norme, e aumenterà l'insicurezza e il disagio nelle nostre città, spingendo in clandestinità coatta moltissime persone.

Per questo Legautonomie ha inviato a tutti i comuni associati un ODG che "invita il sindaco ad aderire e sostenere l’iniziativa intrapresa dai molti sindaci italiani volta a risolvere i conflitti normativi e il contrasto con i principi Costituzionali sollevati dalla entrata in vigore del dl n.113 del 4 ottobre 2018,... continua

17 Gennaio 2019

Una proposta di legge per la dignità degli amministratori

Introdurre un'indennità' minima, pari a 1.500 euro netti, per tutti i sindaci, facendo salve ovviamente le retribuzioni più cospicue di quelli delle grandi città.

E' la proposta presentata oggi, 17 gennaio, alla Camera dal Pd e dalla Lega delle Autonomie, sottoscritta anche da amministratori locali di altre forze politiche. Il pdl, costituito di soli tre articoli, interviene sul decreto legislativo 267 del 2000, fissando a 1.500 euro netti l'indennità' di funzione minima dei sindaci, ma chiede di modificare anche la legge del 2014 che disciplina le indennità dei presidenti di provincia, dopo la riforma. Nel secondo caso, viene chiesto di introdurre per i presidenti di provincia la stessa indennità del sindaco del capoluogo della provincia stessa."Non e' possibile - ha affermato il sindaco Dem di Pesaro e neopresidente di Legautonomie Matteo Ricci - continuare con la demagogia degli ultimi anni, quando si parla di amministratori locali. Il sindaco e' la figura istituzionale con le maggiori responsabilità e coi maggiori carichi di lavoro, e questo vale anche per i piccoli comuni. Sarebbe un grande segno di attenzione e di lungimiranza da parte del Parlamento, e lo stesso vale per i presidenti di provincia, che oggi svolgono il proprio ruolo da volontari. Dobbiamo aprire un dibattito serio - ha concluso - sulla questione, e speriamo che il Parlamento e il governo possano ascoltare la nostra voce e calendarizzare questa proposta". 

 

17 Gennaio 2019

Nel Decreto sul Reddito di cittadinanza rischio di annullare la centralità del Comune nella gestione degli interventi

Legautonomie è fra le associazioni che hanno fondato l'Alleanza Contro la Povertà il cui lavoro ha portato al varo del Rei.

Ancorché finanziato in misura assolutamente inadeguata quella misura ha rappresentato il primo passo verso una politica universalistica di contrasto alla povertà assoluta e alla presa in carico dai Comuni di persone in condizioni di fragilità da sostenere non solo economicamente ma anche nella definizione di un percorso verso l'inserimento nel mondo del lavoro.

Il Decreto che il Governo sta andando ad approvare poteva essere una opportunità straordinaria se avesse soddisfatto una di queste  due condizioni: incrementava le risorse a sostegno del Rei senza modificarne la struttura consentendo così di ampliare significativamente la platea dei beneficiari e l'efficacia delle azioni di presa in carico, oppure confermava il Rei e lo affiancava con una misura non di tipo sociale ma strettamente lavoristica tesa a sostenere le figure più fragili nel percorso di immissione nel mercato del lavoro.

Il Decreto che si va ad approvare invece afferma di essere una misura sociale, quindi formalmente simile al Rei, salvo poi invece avere contenuti prettamente lavoristici fino al paradosso che risorse destinate al sociale finirebbero in tasca agli imprenditori qualora questi assumessero un beneficiario della misura ass... continua

16 Gennaio 2019

Legautonomie presenta la proposta di legge "per la dignità degli amministratori locali"

Una proposta di legge per la dignità degli amministratori. Giovedì 17 gennaio Legautonomie presenta alla Camera dei Deputati la proposta di legge che prevede una decorosa indennità per i Sindaci e l'indennità per i Presidenti di Provincia. "Questa è la prima delle tante cose che faremo nei prossimi mesi - spiega Matteo Ricci, il nuovo presidente di Legautonomie e sindaco di Pesaro - è una battaglia fondamentale, perché non è degno per un amministratore fare il sindaco di un piccolo comune con stipendi che non ti consentono di farlo, come non è degno per un amministratore fare il Presidente della Provincia senza indennità. Questa è la proposta che sosteniamo e che presenteremo giovedì alla Camera - spiega Ricci - e che ci vedrà impegnati nei prossimi mesi, con iniziative che metteremo in campo in tutto il Paese, cercando di coinvolgere il maggior numero possibile di sindaci e amministratori".

Alla conferenza stampa intervengono Matteo Ricci, presidente nazionale Legautonomie e sindaco di Pesaro, Claudio Mancini, deputato e primo firmatario della proposta di legge, Serse Soverini deputato Gruppo Misto, e Gian Mario Fragomeli, deputato Pd.

Per accreditarsi scrivere a: ufficiostampa@legautonomie.it

 

14 Gennaio 2019

Legautonomie per la modifica del DL Sicurezza

Legautonomie sostiene la battaglia degli amministratori locali che chiedono con forza la modifica del Dl Sicurezza, che contiene norme di dubbia legittimità costituzionale sotto vari profili, e per questo ha inviato a tutti i comuni associati un ODG che invita il sindaco ad aderire e sostenere l’iniziativa intrapresa dai molti sindaci italiani volta a risolvere i conflitti normativi e il contrasto con i principi Costituzionali sollevati dalla entrata in vigore del dl n.113 del 4 ottobre 2018, a promuovere ogni iniziativa volta ad interpellare la Corte Costituzionale o altro organismo competente in materia di diritti umani, a promuovere e aderire ad ogni iniziativa che il Consiglio delle Autonomie Locali potrà intraprendere in questo senso e a chiedere, aderire e sostenere l’azione di ricorso alla Corte Costituzionale su iniziativa della Regione. 

In allegato l'odg.

15 Gennaio 2019

BUL: proseguono al MISE i lavori del Comitato indirizzo e monitoraggio Infratel

Si è svolto oggi  un incontro del Comitato di indirizzo e monitoraggio Infratel, istituito allo scopo di verificare gli obiettivi prefissati nel Piano Banda Ultra Larga (BUL).

Tra i partecipanti alla riunione il dott. Marco Bussone, Presidente dell’UNCEM, l’Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani, che ha discusso con il Comitato sulla realizzazione di progetti finalizzati a superare il digital divide nelle comunità montane e favorire, attraverso l’adozione di servizi di nuova generazione, la crescita e lo sviluppo sociale ed economica dei suddetti territori.

Crescita digitale in comune

Il Comitato ha, inoltre, affrontato i temi relativi allo stato di avanzamento dei lavori per l’attuazione del progetto BUL 2018-2020 (per il quale è previsto il lancio di una nuova consultazione pubblica sulle aree nere e grigie del Paese per il prossimo 20 gennaio), del SINFI (il catasto delle infrastrut... continua

10 Gennaio 2019

Migranti Sea Watch, Matteo Ricci: "Vicenda penosa. Sulla pelle di 49 disperati Salvini fa campagna elettorale europee"

Ed è ancor più penoso il twit di Salvini di stamattina. In pratica fa alleanze con coloro che non sono solidali con l'Italia.

matteoricci photo

"Quella della Sea Watch è una vicenda davvero penosa, perché sulla pelle di 49 disperati si sta facendo la campagna elettorale per le europee. Ed è ancor più penoso il twit di Salvini di stamattina, perché lui stesso che chiede all'Europa l'impegno per la redistribuzione dei migranti... continua

11 Gennaio 2019

Nelle Marche una task force per la Banda Ultra Larga

La Regione Marche, consapevole dell’importanza che il tema del digitale sta assumendo nel contesto sociale ed economico, ha intenzione di rafforzare le azioni a supporto dell’Agenda Digitale Marche e del Piano Banda Ultra Larga in particolare.

Crescita digitale in comune

In questa quadro con delibera di Giunta Regionale n.1701 del 17/12/2018 è stata istituita una Task Force che svolga una funzione di “cerniera” con i soggetti del territorio marchigiano, con l’obiettivo di accelerare la realizzazione del Piano Banda Ultralarga, favorire la cultura del digitale ... continua

11 Gennaio 2019

Politica e amministrazione negli enti locali: al via la III edizione della Sant’Anna di Pisa

Il Corso nasce dal comune interesse e dalla comune sensibilità degli enti organizzatori (Scuola Sant’Anna e Legautonomie Associazione di enti locali) alla formazione della classe dirigente che oggi amministra il livello comunale di governo e che domani potrebbe essere chiamata ad amministrare il Paese.

Il Corso si propone di inquadrare da un punto di vista normativo, giurisprudenziale e pratico l’attività di indirizzo politico e l’attività di gestione all’interno degli enti locali. Il Corso intende approfondire alcune tematiche di sicura rilevanza per il livello locale di governo ed i... continua

09 Gennaio 2019

Infratel, per BUL aperti oltre mille cantieri

Sono quasi mille e duecento i cantieri aperti nell’ambito delle prime due gare Infratel/Open Fiber per la realizzazione di infrastrutture a banda ultralarga nelle cosiddette aree bianche del Paese, ovvero quelle definite a fallimento di mercato. Esattamente sono 1.174 i cantieri aperti nel 2018 di cui 977 in fibra ottica e 197 di tipo wireless (FWA).

Crescita digitale in comune

Il primo bando coinvolge 3.043 comuni con circa 4,6 milioni di unità immobiliari da coprire e oltre 7 milioni di cittadini interessati. Il secondo bando interessa invece circa 3.710 comuni italiani, con 3,1 milioni di unità immobiliari e 6,8 milioni di cittadini.   Di seguito i dati suddivisi re... continua

08 Gennaio 2019

Regioni, raffica di ricorsi contro il Decreto Sicurezza

Contro il DL Sicurezza si muovono le Regioni. Dopo Toscana ed Emilia-Romagna che hanno già deliberato il ricorso alla Consulta, anche l'Umbria, il Piemonte e la Sardegna sono pronte a compiere lo stesso passo: nelle prossime ore porteranno in giunta la proposta. Calabria e Basilicata lo stanno valutando. Così come il Lazio di Nicola Zingaretti.

Partita da un gruppo di sindaci, in testa Leoluca Orlando di Palermo, la battaglia si è spostata alle Regioni che a differenza dei Comuni possono ricorrere direttamente alla Corte costituzionale, senza passare prima da un giudice.

Secondo le Giunte regionali il provvedimento presenta profili di "palese incostituzionalità che vanno ad impattare su tutte le più importanti materie di legislazione regionale quali salute, assistenza sociale, diritto allo studio, formazione professionale e politiche attive del lavoro e l'edilizia residenziale pubblica".

Stando all'articolo 127 della Costituzione, una regione può fare ricorso diretto alla Corte Costituzionale "quando ritenga che una legge o un atto avente valore di legge dello Stato o di un’altra Regione leda la sua sfera di competenza […] entro sessanta giorni dalla pubblicazione della legge o del... continua

10 Gennaio 2019

Carige. Ricci: facciamo operazione verità, è stessa operazione mps

"Facciamo un'operazione verita'. Il governo giallo-verde ha fatto copia-incolla del decreto fatto dal governo Gentiloni. Abbiamo visto le reazioni allora del M5S sul caso Mps", ha detto il presidente di Legautonomie e sindaco di Pesaro, Matteo Ricci nel corso della trasmissione Agora' su Rai 3 questa mattina.

"Allora dovete spiegarci: o siete delle persone quando siete all'opposizione e altre persone quando siete al governo, o avete un problema di coerenza. Se lanciavate i soldi per la stessa operazione fatta per Mps e a Di Battista usciva la bile dalla bocca mentre ora fate la stessa operazione dicendo pero' che fate una ... continua

03 Gennaio 2019

Dl Sicurezza, Ricci: "Orlando ha fatto atto politico e condivisibile. Salvini convochi i sindaci per modificare legge"

"Il decreto S crea insicurezza e disumanità. Lo diciamo da mesi: senza integrazione abbiamo città meno sicure. Il sindaco di P ha fatto un atto politico forte e condivisibile. Un ministro serio convocherebbe subito i per modificare la legge". Lo scrive su twitter il presidente di Legautonomie e sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, che chiarisce: "Io reputo l'atto di Palermo un atto politico. I sindaci rispettano la legge. Ma si battono per farla cambiare perché è contro la logica"

Schermata 2019 01 03 alle 15.30.23

02 Gennaio 2019

Status progetto BUL nazionale modello a concessione gara 1 e gara 2

A seguito della firma del contratto di concessione tra Infratel e Open Fiber di Giugno e Novembre 2017, è stata avviata l’attività di progettazione definitiva per i comuni di tutte le fasi, la verifica della progettazione esecutiva e il successivo avvio di lavori ove siano state ottenute le autorizzazioni necessarie dagli Enti competenti.

Si ricorda inoltre che come previsto dal Contratto di concessione, il concessionario a valle dell’approvazione del progetto definitivo da parte di Infratel deve avviare l’attività di ottenimento delle autorizzazioni necessarie da allegare al progetto esecutivo dell’opera.

Crescita digitale in comune

Il file allegato riporta lo stato del progetto al 19 dicembre 2018. Per ciascun comune viene individuata la fase di appartenenza, lo stato delle attività, e l’eventuale firma della convenzione con Infratel che è condizione necessaria per l’avvio della progettazione esecutiva. Gli stati ripor... continua

28 Dicembre 2018

Su "Italia Oggi" un'intervista a Matteo Ricci, neo presidente di Legautonomie e sindaco di Pesaro. Serve una reazione contro il decreto Salvini e subito una legge per la dignità degli amministratori

"Legautonomie sosterrà una proposta di legge per la dignità degli amministratori, questa è la prima delle tante cose che faremo nei prossimi mesi, è una battaglia fondamentale, perchè un sindaco non può prendere meno di 1.500 Euro netti in busta paga; non è degno per un amministratore fare il sindaco di un piccolo comune con stipendi che non ti consentono di farlo, come non è degno per un amministratore fare il Presidente della Provincia senza indennità. Un presidente di Provincia deve prendere come il sindaco del comune capoluogo. Questa è la proposta che sosteniamo e che ci vedrà impegnati nei prossimi mesi, con iniziative che metteremo in campo in tutto il Paese, cercando di coinvolgere il maggior numero possibile di sindaci e amministratori".

 matteo ricci

Matteo Ricci, classe 1974, sindaco di Pesaro e neo presidente di Legautonomie, ha le idee chiare sul futuro dell'associazione di Via degli Scialoja: "Per questo c'è bisogno della Lega delle Autonomie locali: c'è bisogno in Italia di un’associazione di battaglia, di proposte e di servizi, un'or... continua

19 Dicembre 2018

Militari per le buche, Matteo Ricci: "Comuni tutti uguali, non servono caschi blu ONU ma capacità e pragmatismo"

"I comuni italiani sono tutti uguali. L’esercito per chiudere le buche di Roma, sembra un barzelletta! E un insulto ai sindaci che riescono a fare manutenzione alle strade. Governare è responsabilità. Per fare il sindaco non servono i caschi blu ONU. Serve capacità e pragmatismo". Lo scrive su Twitter il presidente di Legautonomie e sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, in merito alla proposta di impiegare i militari per aggiustare le buche di Roma.

zzOa3BOU 400x400

03 Gennaio 2019

Nota di lettura Legge di Bilancio 2019

Pubblichiamo la prima nota di lettura Anci-IFEL sulle norme di maggior interesse per gli enti locali contenute nella Legge di bilancio 2019 (la legge 30 dicembre 2018, n. 145).

28 Dicembre 2018

Dossier Senato/Camera. Legge di Bilancio 2019

Quadro di sintesi degli interventi

20 Dicembre 2018

Banda ultra larga, collegati in fibra i primi clienti aree bianche

La sperimentazione parte da Anguillara Sabazia e San Giovanni La Punta dove, grazie alla modalità Ftth (Fiber To The Home), gli utenti potranno navigare sulla rete Open Fiber fino a 1 Gbps al secondo, velocità impossibile da raggiungere per reti in rame o miste fibra-rame.

Crescita digitale in comune

Open Fiber ha collegato oggi ad Anguillara Sabazia (Rm) e San Giovanni La Punta (Ct) i primi clienti alla rete interamente in fibra ottica che sta realizzando nei cluster C e D, le cosiddette 'aree bianche' oggetto dei primi due bandi Infratel, società in house del ministero dello Sviluppo economico. Si tratta ... continua

19 Dicembre 2018

BUL, al via l’Agenda Digitale Locale dell’Unione dei Comuni del Distretto Ceramico

Prende ufficialmente il via la realizzazione dell’Agenda Digitale Locale dell’Unione dei Comuni del Distretto Ceramico che comprende i comuni di Sassuolo, Fiorano modenese, Formigine, Frassinoro, Maranello, Prignano, Palagano, Montefiorino.

Crescita digitale in comune

Il programma, con il quale le amministrazioni locali si pongono l’obiettivo primario di favorire e accompagnare la completa digitalizzazione del territorio, è nato e si è sviluppato grazie al cablaggio in banda ultra larga dell’intero territorio distrettuale. La realizzazione dell’Agend... continua

19 Dicembre 2018

«Portiamo la banda ultra larga anche nel settore agroalimentare»

“Digitalizzazione, intelligenza artificiale, genetica. Sono questi i temi su cui ci dobbiamo concentrare per progettare una linea d'azione condivisa tra pubblico e privato, consentendo anche alla ricerca di fare al meglio il proprio lavoro” lo ha detto il presidente di Confagricoltura Massimiliano Giansanti nel corso dell'assemblea dell'organizzazione.

Crescita digitale in comune

"Non dobbiamo accontentarci - ha detto il presidente - di avere il primato, sia pure importante, delle indicazioni geografiche e di qualità, se poi il valore delle nostre esportazioni di settore è inferiore a quello di Francia, Germania, Spagna e Paesi Bassi; né ci accontentiamo dell'aumento, cert... continua

18 Dicembre 2018

Anche in Friuli arriva la banda ultralarga

Con un intervento di oltre un milione di euro, sono partiti i lavori per la posa della fibra a Majano, comune friuliano di quasi 6000 abitanti. Il programma dei lavori si divide in due fasi: il primo intervento permetterà di portare la banda ultralarga fino a Pers. Il secondo intervento prevederà la posa dei cavi verso le altre frazioni.

Crescita digitale in comune

Le abitazioni che connetteranno direttamente alla fibra potranno godere di connessioni a 100 megabit, mentre per quelle connesse tramite onde radio saranno comunque garantiti i 30 megabit, valore di gran lunga superiore all’attuale servizio sulla linea adsl che, soprattutto nelle frazioni, fatica non poco a supe... continua

17 Dicembre 2018

Banda ultra larga nelle aree disagiate di Puglia, Calabria e Sardegna con Open Fiber

Open Fiber si è aggiudicata il terzo bando di gara Infratel, indetto per individuare il soggetto che dovrà occuparsi di costruire la rete pubblica per la banda ultra larga nelle aree bianche di Puglia, Calabria e Sardegna. Lo stanziamento pubblico è pari a 103 milioni di euro e ad essere interessati dagli interventi previsti dal bando saranno oltre 378.000 i cittadini, 317.000 unità immobiliari e 882 comuni.

Crescita digitale in comune

Open Fiber interverrà, quindi, nelle cosiddette aree a fallimento di mercato dei tre lotti nelle quali gli operatori non hanno un interesse ad operare e si occuperà di progettare e gestire in modalità wholesale la rete attiva e passiva di accesso che fornirà agli utenti finali servizi a 100... continua

15 Dicembre 2018

Migranti, Matteo Ricci: “Con decreto Salvini è caos, senza integrazione città più insicure”

Il Presidente di Legautonomie e sindaco di Pesaro Matteo Ricci ad alzo zero contro il decreto sicurezza: «In verità sarebbe più giusto chiamarlo decreto insicurezza. Da Salvini solo propaganda. Nei prossimi giorni avremo centinaia di richiedenti asilo in giro per le città. Questi sono gli effetti. Come al solito la realtà dovranno gestirla i sindaci e i Comuni».

Il Presidente di Legautonomie si riferisce al caos post legge nelle strutture di accoglienza. Dopo la cancellazione della protezione umanitaria. Indicando una lettera: “L’abbiamo appena ricevuta da un centro di Pesaro. Ci informa che da lunedì usciranno 41 persone. Tagliati fuori di punto in bianco dallo Sprar. Non si sa dove andranno a dormire. Non si sa di cosa vivranno. Di sicuro non saranno espulsi né rimpatriati, come aveva annunciato Salvini. Ci si lamenta degli assembramenti al Miralfiore e di quelli al Monumento alla Resistenza. Ma con questa politica, invece di migliorare le cose, rischiamo solo di peggiorarle”.

Secondo Ricci, “tagliare sulle reti Sprar significa tagliare sull’integrazione, sull’insegnamento dell’italiano, sul volontariato. Il risultato saranno tante persone in giro per le città, dalla sera alla mattina. Clandestini senza alcuna possibilità di integrazione. Che molto probabilmente dovranno vivere di espedienti, avvicinandosi alla fascia dell’illegalità e alla microcriminalità. Come sindaci lo avevamo detto. Quello che sta succedendo dimostra che avevamo ragione. Siamo molto preoccupati e arrabbiati”.

Schermata 2018 12 15 alle 16.30.34

Ricci ha chiesto, come sindaco, un incontro in prefettura, lunedì prossimo, insieme all’assessore Sara Mengucci, “per cercare di gestire l’ennesima emergenza. Siamo in un periodo di freddo intenso. E c’è un problema umanitario sugli alloggi”. Ma allargando lo sguardo, il pre... continua

20 Dicembre 2018

A dicembre 3 appuntamenti per parlare di BUL

Due webinar e un evento internazionale sull’innovazione digitale: la banda ultra larga e Crescita Digitale in Comune sono stato protagoniste del mese di dicembre con tre appuntamenti di approfondimento e formazione.

Crescita digitale in comune

Promosso dal Cnit (Consorzio nazionale interuniversitario per le telecomunicazioni) in collaborazione con CNR (Consiglio nazionale delle ricerche) e CINI (Consorzio interuniversitario nazionaleper l’informatica) e patrocinato tra gli altri da MiSE, Agcom e Comune di Roma, si è svolto a Roma dal 4 al 6 dic... continua

17 Dicembre 2018

Terremoto Lazio: Zingaretti firma protocollo al Mise sul wi fi

Diffusione della connettività e predisposizione dei punti di accesso wi-fi nei luoghi colpiti dal sisma del 2016, con uno stanziamento di oltre 1 milione e trecento mila euro. E’ questa la novità introdotta dal Protocollo d’intesa firmato dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e dal Ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio dal titolo “Per la diffusione di connettività wi-fi e piattaforme intelligenti sul territorio italiano”. 

Crescita digitale in comune

Obiettivo del Protocollo, della durata di cinque anni, è promuovere e sviluppare processi di innovazione per favorire l’accesso a internet e ai servizi digitali da parte dei cittadini e turisti presso le principali località turistiche e culturali del Lazio, in linea con il progetto “WiFi.Ital... continua

17 Dicembre 2018

Progettazione, 90 milioni di euro agli enti locali

Sul totale delle risorse, circa 15 milioni di euro andranno a 14 Città metropolitane, 37,3 milioni a 86 Province e la parte restante ai Comuni che presenteranno domanda. Le risorse saranno trasferite dando priorità ai progetti definitivi degli enti locali di opere destinate alla messa in sicurezza di edifici pubblici e strutture scolastiche.

Sono ammessi anche i progetti di demolizione e ricostruzione mantenendo la stessa destinazione d’uso, i progetti finalizzati all’adeguamento degli edifici alla normativa sismica e quelli per la messa in sicurezza edile ed impiantistica. Le risorse del Fondo derivano dalla legge di Bilancio per il 2018 (L.2... continua

13 Dicembre 2018

Consiglio nazionale di Legautonomie, eletto il nuovo Ufficio di Presidenza. Nuova mission per l’Associazione

Si è svolto oggi a Roma, al Centro Congressi Cavour, il primo Consiglio nazionale della Lega delle Autonomie Locali sotto la nuova presidenza di Matteo Ricci, sindaco di Pesaro, eletto neo Presidente nazionale dell’associazione al recente XVII Congresso, tenutosi a Viareggio il 29 e 30 novembre scorsi.

Il Presidente Ricci, nel discorso di apertura e di presentazione del nuovo ufficio di presidenza, ha illustrato i temi che caratterizzeranno l’attività di Legautonomie nei prossimi anni.

“La Lega delle Autonomie Locali può diventare il nuovo laboratorio del riformismo italiano, dobbiamo tradurre il lavoro dell’associazione in proposte di legge e di iniziative popolari. Abbiamo bisogno di una Lega delle Autonomie di battaglia, di proposte e di servizi", ha detto Matteo Ricci in apertura, alla platea riunita a Via Cavour. “Oggi gli amministratori hanno un problema enorme che si chiama Codice degli Appalti, che va rivisto in chiave pragmatica, perché così com'è blocca il Paese. Occorre portare avanti una proposta di riforma che metta gli amministratori in condizione di lavorare per il proprio territorio”, ha sottolineato Ricci. 

Tra i temi che segneranno l'attività dell'associazione, sicuramente il tema della sicurezza e dell’integrazione: "Serve una reazione forte da parte di chi tutti i giorni è chiamato a governare questi processi, di chi crede in quell’integrazione che questo Governo sta provvedendo a tagliare, a... continua

17 Dicembre 2018

Finanza territoriale, al Cnel presentato rapporto 2018

“Le spese correnti secondo il conto economico delle Amministrazioni locali sono in crescita nel 2017, toccando i 213,4 mld di euro, pari a +0,4% rispetto al 2016 e +2,6% rispetto al 2015. Le spese in conto capitale delle Amministrazioni locali però si riducono anche nel 2017 arrivando a 25,8 mld di euro (-9,1% rispetto al 2016 e -19,8% rispetto al 2015) con una riduzione generalizzata per tutte le voci che le compongono”.

E’ quanto emerso oggi durante la presentazione del Rapporto sulla Finanza Territoriale 2018 a cura di 6 istituti regionali di ricerca socioeconomica IRES Piemonte, IRPET Toscana, SRM Napoli, Éupolis Lombardia, Ipres Puglia e Liguria Ricerche. Al centro del rapporto, che esamina ogni anno l’andamento... continua

10 Dicembre 2018

Nota di Legautonomie sull'annunciata riforma del Codice degli Appalti

Al momento dell’entrata in vigore del nuovo codice degli appalti (decreto legislativo 50/2016) più di un interrogativo si è posto sulla sua idoneità a raggiungere, attraverso una normativa più semplice, agile e trasparente, gli scopi di rilancio degli investimenti e degli appalti connessi. Si tratta indubbiamente di una riforma molto complessa e articolata, che richiedeva e richiede tuttora tempo perché possa dispiegasi ed essere attuata ma sulla quale è possibile ora, a circa tre anni di distanza, trarre un primo, anche se provvisorio, bilancio, utile soprattutto in vista dell’ulteriore riforma del codice annunciata dal nuovo esecutivo.

L’approvazione di circa una cinquantina di decreti attuativi e l’attivazione della cosiddetta soft regulation, cioè la fissazione di regole operative che non hanno valore di legge ma con notevoli difficoltà interpretative, da parte dell’Anac, non ha agevolato la fissazione di una normativa certa in grado di rassicurare, in un paese fatto di circa 8 mila Comuni, l'attività degli operatori, siano essi amministratori che funzionari, dellamministrazione locale. Del resto lo stesso Consiglio di Stato, in sede di espressione del parere sullo schema del Codice Appalti, aveva evidenziato come alcune norme di particolare rilevanza per le Amministrazioni Locali, sembrassero comportare un aumento della regolamentazione rispetto a quanto richiesto dalle direttive europee.

Pur considerando che non basta modificare il quadro normativo e le procedure affinché ci sia un rilancio degli appalti, se gli investimenti restano fermi e se diminuisce la spesa per acquisti di beni e servizi, ora che sono state modificate le regole del patto di stabilità interno e sembra ci sia maggior... continua

17 Dicembre 2018

Imu-Tasi più cara a Roma

Con una media di 2.064 euro è Roma la città capoluogo dove l’Imu-Tasi costa di più. E’ quanto risulta dallo studio annuale effettuato dal Servizio politiche territoriali della Uil in vista del saldo dovuto entro il 17 dicembre.

A Milano, invece, si pagheranno 2.040 euro medi; a Bologna 2.038 euro; a Genova 1.775 euro; a Torino 1.745 euro. I valori più «contenuti», invece, ad Asti con un costo medio di 580 euro; a Gorizia con 582 euro; a Catanzaro con 659 euro; a Crotone con 672 euro; a Sondrio con 674 euro. Il saldo Imu-Ta... continua

04 Dicembre 2018

XVII Congresso nazionale Legautonomie - documenti e materiali

Si è svolto a Viareggio il XVII Congresso nazionale di Legautonomie, che ha visto la partecipazione di centinaia di amministratori locali proveniente da tutta Italia e che ha eletto il nuovo presidente nazionale dell’associazione, Matteo Ricci, sindaco di Pesaro, e il nuovo Consiglio Nazionale. 

Il Congresso è stato l’occasione per un confronto tra i governi locali, con l'obiettivo di porre al centro dell’agenda politica il rilancio di un assetto della finanza pubblica in chiave federalista. 

Pubblichiamo in allegato tutti i materiali del Congresso, le slide e i documenti dei relatori presentati durante i lavori congressuali e gli interventi di Matteo Ricci, Marco Filippeschi, Antonio Misiani, Achille Variati, Giorgio Del Ghingaro.

 platea

29 Novembre 2018

XVII Congresso nazionale Legautonomie, Matteo Ricci eletto nuovo presidente

La platea dei sindaci e degli amministratori locali riunita a Viareggio, al Grand Hotel Principe di Piemonte, ha eletto all’unanimità Matteo Ricci, sindaco di Pesaro, nuovo presidente nazionale di Legautonomie.

“Il mandato che oggi ho ricevuto è molto chiaro – ha dichiarato il neo presidente Matteo Ricci -, è quello di far ripartire il riformismo delle autonomie locali. Oggi le idee riformiste, le idee dell’autonomismo locale rischiano di essere soffocate da tanta propaganda. Abbiamo bisogno di mettere in campo valori forti e al tempo stesso tanto pragmatismo. E iniziare da temi come la sicurezza. Il Ministro dell’Interno deve fare il Ministro dell’Interno, dovrebbe prendere i ladri che vanno nelle case o vanno a rapinare per l’ennesima volta un locale e non esultare se qualcuno spara, perché significa il fallimento dello Stato. Così come con il Decreto Sicurezza scarica sui sindaci l’insicurezza, perché avremo ancora più persone senza diritti in giro per la città senza protezione meno integrate e questo verrà scaricato sui sindaci che dovranno invece essere sempre più i baluardi dell’integrazione. Questi sono solo alcuni dei temi di attualità che dimostrano quanto serva una Lega delle Autonomie Locali propositiva ma anche una Lega delle Autonomie di battaglia – ha concluso Ricci -, in una fase nella quale dai comuni può venire un’alternativa vera anche rispetto a una visione del Paese”.

 WhatsApp Image 2018 11 29 at 17.40.24

Tanti gli amministratori locali arrivati a Viareggio da tutta Italia per il XVII Congresso nazionale dell'associazione che ha celebrato nel 2016 il suo centenario. Assente il Governo. Al centro della due giorni la manovra, che in questi giorni è al vaglio del Parlamento, il decreto sicurezza, appena approvato ... continua