AGENDA
dal 25 Febbraio 2017
al 24 Giugno 2017
Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

La Scuola Superiore Sant’Anna e Legautonomie organizzano il corso di alta formazione in “Politica ed amministrazione negli enti locali”, diretto ai giovani amministratori locali. Il Corso, in programma dal 25 febbraio al 24 giugno 2017, si sviluppa in 8 incontri, a sabato alterni, per un totale di 48 ore di formazione con acquisizione di 3 Crediti Formativi Universitari. Il corso si svolgerà a Pisa, presso le aule della Scuola Superiore Sant’Anna.

27 Febbraio 2017
Firenze, Spazio PAC - Piazza delle Murate

Assemblea annuale regionale degli amministratori pubblici
Organizzata da Legautonomie e Anci Toscana

Ai partecipanti nel corso dei lavori verranno consegnati i volumi "La gestione dei bilanci 2017" di S. Marzari e "La riforma della riscossione dei tributi locali" a cura di Cesare Cava, A. Antonini, S. Fossati.

DOSSIER
La lotta contro la povertà in Italia
Il sostegno all'inclusione attiva (SIA), operativo dallo scorso mese di settembre (di cui all'allegato decreto interministeriale del 26/5/2016) e il disegno di legge delega previsto dalla legge di bilancio 2016, che prevede l'adozione - per la prima volta in Italia - di una misura universale e strutturale per il contrasto alla povertà (il REI) di cui il SIA viene considerato un provvedimento-ponte attualmente all'esame del Senato, sono misure che rappresentano un grande salto di qualità rispetto al passato nella lotta alla povertà assoluta.
Home: Documenti: Attualità: Gioco d'azzardo, partita la raccolta firme per la legge di iniziativa popolare
DOCUMENTI PER ARGOMENTO
Attualità
17 Ottobre 2013
Gioco d'azzardo, partita la raccolta firme per la legge di iniziativa popolare
Legautonomie e Terre di Mezzo hanno presentato a Milano nella Sala Alessi di Palazzo Marino la legge di iniziativa popolare sul gioco d'azzardo lo scorso 10 ottobre..

La legge è stata elaborata da oltre 315 amministratori pubblici che fanno capo alla Scuola per le buone pratiche (Legautonomie e Terre di Mezzo) e alle campagne «Mettiamoci in gioco» e «Fa’ la cosa giusta». Il primo passo è stato appunto la sottoscrizione da parte dei sindaci, arrivati da tutt’Italia, del «Manifesto dei sindaci contro il gioco d’azzardo», e in questi giorni è partita la raccolta firme anche tra i cittadini.
Gioco d'azzardo, partita la raccolta firme per la legge di iniziativa popolare

Nello specifico, i 22 articoli della legge si articolano attorno a una serie di punti fondamentali: «Il primo è la tutela della salute pubblica, messa a repentaglio da attività che hanno un alto rischio di dipendenza», ha affermato Angela Fioroni segretaria di Legautonomie. Gli altri punti della legge riguardano aspetti spesso collegati con il gioco d’azzardo: riciclaggio di denaro, evasione fiscale, infiltrazioni della criminalità organizzata. «Noi vediamo le macchinette sul territorio - ha sottolineato la Fioroni - ma dietro c’è ben altro». «Nello scrivere la proposta di legge siamo stati molto attenti a rispettare il dettato costituzionale e le normative europee - ha aggiunto - perché è nostra intenzione evitare che l’applicazione della legge porti a contenziosi».

Comunicato Corte Suprema di Cassazione "Annuncio di una proposta di legge di iniziativa popolare" - GU Serie Generale n.233 del 4-10-2013

X Questo sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookies tecnici di terze parti per l'analisi aggregata del traffico allo scopo di ottimizzarne navigazione e contenuti.
Per maggiori informazioni, consulta la privacy policy del sito.