AGENDA
13 Dicembre 2016
Sala della Sacrestia, Camera dei Deputati - Vicolo Valdina 3/A - Roma

In occasione del centenario di Legautonomie, sarà presentato il volume "La Lega delle Autonomie 1916-2016. Cento anni di storia del riformismo per il governo locale" di Oscar Gaspari, edito da Il Mulino, presso la Camera dei Deputati.

Saranno presenti: Guido Melis, docente di storia delle istituzioni politiche; Marco Filippeschi, presidente Legautonomie e sindaco di Pisa; Oriano Giovanelli, ufficio presidenza Legautonomie; Walter Tocci, senatore e direttore del Centro per la riforma dello Stato (CRS); Paolo Fontanelli, ufficio presidenza Camera dei Deputati.

Ai partecipanti una copia del volume in omaggio.

Home: Documenti: Dossier: Carta delle autonomie, la riforma dell'ordinamento e le funzioni fondamentali
DOCUMENTI PER ARGOMENTO
Dossier
22 Maggio 2012
Carta delle autonomie, la riforma dell'ordinamento e le funzioni fondamentali
A cura di Legautonomie

A undici anni dalla riforma del Titolo V, che modifica l’ordinamento statuale del nostro Paese in senso federalista, la Camera dei deputati ha approvato nel giugno del 2010 un disegno di legge del Governo che interviene sulla materia delle funzioni degli enti locali, al fine di adeguarle alla riforma del Titolo V della Costituzione italiana. Tra i punti qualificanti del provvedimento vi è una delega al Governo per l'adozione della “Carta delle autonomie locali”, in cui riunire e coordinare sistematicamente le disposizioni statali che disciplinano gli enti locali.
L'Assemblea della Camera ha approvato il disegno di legge il 30 giugno 2010. Il ddl è passato all'esame del Senato (AS 2259) il 2 luglio 2010.

Il lungo percorso della Carta delle Autonomie

Il disegno di legge A.C. 3118, che costituiva provvedimento collegato alla manovra di finanza pubblica, interviene sull’attuale assetto normativo delle autonomie locali, risalente ai primi anni ’90.

Con tale intervento si introducono disposizioni di adeguamento alla riforma del Titolo V della Parte seconda della Costituzione approvata nel 2001, che ha attribuito nuove funzioni alle comunità locali, dotandole di autonomia finanziaria. In relazione a tale autonomia si pongono i presupposti per la concreta attuazione della legge sul federalismo fiscale (legge n. 42 del 2009), che ha previsto, tra l’altro, una suddivisione delle spese degli enti locali tra le spese riconducibili alle funzioni fondamentali individuate dalla legislazione statale, le spese relative alle altre funzioni e le spese finanziate con contributi speciali.

L'esame del provvedimento, al quale sono state abbinate 13 proposte di iniziativa parlamentare, è iniziato presso la I Commissione Affari costituzionali l'11 marzo 2010 e si è concluso il 10 giugno 2010. La Camera ha modificato in più punti il testo del provvedimento, anche in relazione alle disposizioni introdotte dalla legge finanziaria per il 2010, n. 191/09, come modificata dal Decreto-Legge n. 2/2010, che interviene a modificare ed integrare alcune norme in materia di contenimento delle spese degli enti locali contenute nella legge finanziaria 2010 (art. 2, commi 183-187).

Testo Carta delle Autonomie ed emendamenti
Riforma delle Province e funzioni associate piccoli comuni
Audizioni
Articoli e approfondimenti

X Questo sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookies tecnici di terze parti per l'analisi aggregata del traffico allo scopo di ottimizzarne navigazione e contenuti.
Per maggiori informazioni, consulta la privacy policy del sito.