AGENDA
dal 25 Febbraio 2017
al 24 Giugno 2017
Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa

La Scuola Superiore Sant’Anna e Legautonomie organizzano il corso di alta formazione in “Politica ed amministrazione negli enti locali”, diretto ai giovani amministratori locali. Il Corso, in programma dal 25 febbraio al 24 giugno 2017, si sviluppa in 8 incontri, a sabato alterni, per un totale di 48 ore di formazione con acquisizione di 3 Crediti Formativi Universitari. Il corso si svolgerà a Pisa, presso le aule della Scuola Superiore Sant’Anna.

27 Febbraio 2017
Firenze, Spazio PAC - Piazza delle Murate

Assemblea annuale regionale degli amministratori pubblici
Organizzata da Legautonomie e Anci Toscana

Ai partecipanti nel corso dei lavori verranno consegnati i volumi "La gestione dei bilanci 2017" di S. Marzari e "La riforma della riscossione dei tributi locali" a cura di Cesare Cava, A. Antonini, S. Fossati.

DOSSIER
La lotta contro la povertà in Italia
Il sostegno all'inclusione attiva (SIA), operativo dallo scorso mese di settembre (di cui all'allegato decreto interministeriale del 26/5/2016) e il disegno di legge delega previsto dalla legge di bilancio 2016, che prevede l'adozione - per la prima volta in Italia - di una misura universale e strutturale per il contrasto alla povertà (il REI) di cui il SIA viene considerato un provvedimento-ponte attualmente all'esame del Senato, sono misure che rappresentano un grande salto di qualità rispetto al passato nella lotta alla povertà assoluta.
Home: Documenti: Dossier: Gioco d'azzardo ed enti locali. Dossier di Legautonomie
DOCUMENTI PER ARGOMENTO
Dossier
1 Ottobre 2013
Gioco d'azzardo ed enti locali. Dossier di Legautonomie

Il Dossier, curato da Legautonomie, raccoglie anche gli atti del seminario organizzato a Roma lo scorso 25 giugno intitolato: "La diffusione del gioco d'azzardo nei territori urbani: riflessi sulle competenze amministrative degli enti locali", e alcuni documenti relativi a iniziative presentate tra gennaio e febbraio 2013 come il "Manifesto dei sindaci per la legalità contro il gioco d'azzardo", organizzato insieme a Terre di Mezzo e Scuola delle Buone Pratiche; nella documentazione sono presenti anche alcuni regolamenti comunali, la normativa attuale e l'attività parlamentare.

Presentazione

Nell’arco di dieci anni il territorio urbano è stato via via occupato capillarmente da istallazioni di gioco di alea generando rilevanti problemi di pertinenza delle amministrazioni comunali, provinciali e delle Asl.

Da tutto questo complesso di gestione, offerta, promozione, è stato – per legge – deliberatamente escluso il sistema dei poteri locali e regionali. Le Regioni non hanno alcun potere né d’indirizzo, né regolativo, né ispettivo: pur vedendosi ricadere sulle responsabilità regionali gran parte degli effetti (sociali, economici, urbanistici, finanziari).

I Comuni e le Province, che pure devono adottare piani per il commercio, l’artigianato, l’industria e per i servizi, sono deliberatamente esautorati di ogni potestà amministrativa, anche laddove si trovino – come nei fatti avviene – a doversi far carico e a gestire gli “effetti collaterali” di questo complesso “insediamento”.

Per limitare danni e ricadute alcuni Comuni hanno emanato provvedimenti di natura amministrativa successivamente annullati dalla giustizia amministrativa. Le più qualificate associazioni che si occupano dei riflessi sociali e clinici del gioco d’azzardo: Consulta Nazionale delle Fondazioni Antiusura, Associazione Azzardo e Nuove Dipendenze, Associazione Alea stanno valutando quali iniziative intraprendere.

Legautonomie, come associazione di enti locali, intende mettere a disposizione dei Comuni, delle Province e delle Regioni un complesso di proposte e di misure di supporto per impostare in modo appropriato le iniziative dei poteri locali.

Atti del seminario di Legautonomie: "La diffusione del gioco d'azzardo nei territori urbani: riflessi sulle competenze amministrative e sociali degli enti locali" Roma, 25 giugno 2012
Regolamenti comunali
Giurisprudenza
Normativa e attività parlamentare
Indagine conoscitiva della XII Commissione Camera dei deputati
Leggi regionali
Rassegna stampa
Proposta di legge di iniziativa popolare Legautonomie
Manifesto dei sindaci per la legalità contro il gioco d'azzardo
Approfondimenti
E' stata presentata a Milano, all'interno della fiera "Fà la cosa giusta!" la campagna sui problemi e i pericoli legati alla diffusione del gioco d'azzardo nei nostri comuni, promossa da Legautonomie, Terre di Mezzo e la Scuola delle Buone Pratiche,
La richiesta unanime degli amministratori locali di non essere lasciati soli a sostenere le difficoltà dei cittadini e le bocciature dei propri regolamenti da parte dei Tar è confluita nella decisione di organizzarsi intorno a un Manifesto per avere più forza, scambiare pratiche e attività e chiedere con fermezza una legge quadro nazionale, leggi regionali e potere di ordinanza per i sindaci.
Un settore che non conosce crisi, che crea dipendenze patologiche e dove le infiltrazioni mafiose proliferano. Angela Fioroni, direttrice di Legautonomie Lombardia ha raccontato in un libro la battaglia dei sindaci contro un nemico più grande di loro, il gioco d'azzardo. Il libro è nato dalla campagna dei sindaci contro il gioco d’azzardo, promossa dalla Scuola delle buone pratiche (a cura di Legautonomie e Terre di mezzo), fotografa la situazione in Italia, racconta la battaglia delle amministrazioni comunali contro il gioco d'azzardo, rivela le contraddizioni e le inadeguatezze delle attuali leggi in materia, e ci invita a partecipare a questa battaglia con i mezzi della consapevolezza, della cultura, della condivisione.
Legautonomie ha raccolto in un dossier oltre 70 regolamenti comunali sul gioco d'azzardo, oltre alla normativa e l'attività parlamentare sul tema.
Sono più 160 i Comuni che hanno già sottoscritto il "Manifesto dei sindaci per la legalità contro il gioco d'azzardo", promosso da Terre di Mezzo e Legautonomie, con cui gli amministratori chiedono di avere più poteri di programmazione, controllo e ordinanza per contrastare il fenomeno del gioco d’azzardo e limitare le conseguenze sociali sui territori che amministrano.
Legautonomie e Terre di Mezzo hanno affiancato alla diffusione del manifesto il lavoro di scrittura - da parte di un team di esperti che coinvolge costituzionalisti, sindaci e assessori - di una legge quadro nazionale di iniziativa popolare sul gioco d’azzardo.

X Questo sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookies tecnici di terze parti per l'analisi aggregata del traffico allo scopo di ottimizzarne navigazione e contenuti.
Per maggiori informazioni, consulta la privacy policy del sito.