Home: Documenti: Politiche territoriali
Politiche territoriali
25 Luglio 2016
E' stato presentato lunedì 25 luglio il primo numero di “50Pagine. Quaderni delle Autonomie”, pubblicazione on line realizzata da Legautonomie Piemonte a cura dalla direttrice Marita Peroglio e del presidente Francesco Casciano, sul tema del "Gioco d’azzardo e ludopatia. I Comuni entrano 'in gioco'".
La pubblicazione realizzata con il contributo di Legautonomie nazionale e Legautonomie Lombardia, propone un focus preciso attraverso il quale invitare i Comuni piemontesi a dibattere il tema del gioco d’azzardo e della ludopatia con i loro cittadini e ad agire in modo concreto sia sul fronte della regolamentazione del gioco d’azzardo lecito con atti amministrativi di loro competenza (orari, norme urbanistiche, norme edilizie) sia sul fronte del contrasto alla ludopatia.
Negli ultimi anni, Legautonomie, ha promosso numerose iniziative sul gioco d’azzardo, a partire dalla campagna "Manifesto dei sindaci per la legalità contro il gioco d'azzardo", organizzata insieme con Terre di Mezzo e Scuola delle Buone Pratiche; per arrivare alla raccolta di firme dei sindaci su una Proposta di Legge di Iniziativa popolare per la Tutela della Salute degli Individui tramite il riordino delle norme vigenti in materia di giochi con vincite in denaro-giochi d’azzardo, elaborata con l’apporto di amministratori, associazioni, giuristi, studiosi dell’antiriciclaggio e presentata l’8 Aprile 2014, alla Presidente della Camera Boldrini, con le oltre 93 mila firme raccolte in oltre 411 comuni italiani; per finire con numerosi convegni e seminari sul tema.
Legautonomie Piemonte riparte da questi primi risultati per rilanciare la campagna contro il gioco d’azzardo, dedicando a questo tema il primo numero di "50pagine - Quaderni delle Autonomie".
I Comuni contro le ludopatie e l’azzardo. Insieme si vince il gioco
18 Luglio 2016
Rapporto annuale SPRAR 2015
E' stato presentato il 13 luglio a Roma, presso la Sala Conferenze dell'Anci, il Rapporto Annuale 2015 del Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (Sprar). Il Rapporto riporta i dati significativi sul Sistema di Protezione per l'anno 2015, e approfondisce alcuni aspetti qualitativi del sistema Sprar, tra cui i servizi e le modalità di accoglienza, l'organizzazione delle equipe dei singoli progetti, l'attività formativa per gli operatori.
Dal Rapporto emerge ancora rafforzato il ruolo degli enti locali come protagonisti del Sistema pubblico di protezione per richiedenti asilo e rifugiati.
Sono 29.761 le persone accolte nello SPRAR nel 2015. I progetti hanno messo a disposizione 21.613 posti di accoglienza con una rete di 376 enti locali titolari di progetto (339 comuni, 29 province e 8 unioni di comuni) per circa 800 Comuni coinvolti nell'accoglienza.
12 Luglio 2016
Nel 2015 su fronte del fisco locale di è registrato un certo aumento; dalla Tasi alle addizionali Irpef. Ma l’incremento non è certo uniforme in tutte le zone del paese. Considerando il prelievo locale medio su una famiglia tipo che in base a una simulazione della Banca d'Italia ammonta a 1.983 euro, le regioni più penalizzanti sono Campania, Lazio e Piemonte. All'opposto, invece, si collocano Valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia e Basilicata.
8 Giugno 2016
Si è tenuta a Firenze la Conferenza annuale della rete Major Cities of Europe alla quale ha partecipato il PON Città Metropolitane 2014-2020 con l’obiettivo di illustrare il valore realizzato dal Programma attraverso l’uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nella gestione delle Città Metropolitane e confrontarsi con i rappresentanti delle diverse città europee, insieme ad esperti mondiali provenienti da aziende Ict e dal mondo accademico sulla tematica delle Aree urbane attraverso lo scambio di informazioni, strategie, esperienze.
28 Aprile 2016
Edilizia scolastica, firmato decreto da 480 milioni di euro
Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha firmato il Dpcm sui 480 milioni per l’edilizia scolastica per interventi volti alla costruzione e alla tutela di edifici scolastici sul territorio italiano, rientrante nell’operazione #sbloccascuole.
Il decreto permette agli enti locali di escludere dal calcolo del pareggio di bilancio gli interventi di edilizia scolastica, come previsto dalla Legge di Stabilità 2016.

26 Marzo 2016
"Abbiamo ripartito i 350 mln di euro del Tpl per il rinnovo del parco automezzi, che interessa molto anche i sindaci". Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, al termine della Conferenza Stato-Regioni che ha dato l'ok al riparto dei fondi.
“Poi ci sono tutte le risorse anche per gli anni successivi che confluiranno in un fondo unico per dare vita a questa unione di capitali pubblici e privati per ulteriori acquisti nei prossimi anni”, ha aggiunto. “Intanto sugli autobus un grosso contributo per rinnovare il parco automezzi - ha concluso - che e' tra i più vecchi d'Europa e quindi ha bisogno di un rinnovo assoluto”.
“Via libera” quindi da Regioni, Province e Comuni al riparto delle risorse per il rinnovo dei parchi automobilistici per il trasporto pubblico locale e regionale, su proposta del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, e per l'anticipazione del 60% del Fondo Nazionale 2016 per il concorso dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale, su proposta del ministro dell'Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, di concerto con Delrio.
2 Febbraio 2016
Contrasto alla povertà e inclusione sociale, Alleanza contro la povertà: “Mancano 5,5 miliardi. Governo riveda la legge delega”
Il ministro Poletti ha lanciato il progetto di un sostegno economico pari a circa 320 euro al mese per "280 mila famiglie, 550 mila bambini e quasi 1 milione e 150 mila persone". Ma la legge di Stabilità ha stanziato a regime solo 1,5 miliardi di euro l'anno. Troppo poco secondo l'Alleanza contro la povertà: per raggiungere questi obiettivi bisogna investire 7 miliardi di euro (contro gli 1,5 messi sul piatto dal governo) e fornire gli strumenti adeguati ai servizi di welfare locale.
1 Febbraio 2016
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella riunione del 20 gennaio presieduta da Stefano Bonaccini, ha approvato un documento sul ruolo delle Regioni nelle politiche di inclusione sociale attiva nella strategia Europa 2020 e nell’ambito del piano nazionale di contrasto alla povertà.
Il documento è stato oggetto di specifici approfondimenti da parte di tre Commissioni della Conferenza delle Regioni: la Commissione istruzione e lavoro (coordinata dalla Regione Toscana), la Commissione politiche sociali (coordinata dalla Regione Molise) e la commissione affari comunitari e internazionali (coordinata dalla regione Umbria) ed era già stato preannunciato e illustrato in linea di massina dal Presidente della Toscana, Enrico Rossi.
Il documento è stato inviato dal presidente Bonaccini al ministro Giuliano Poletti, ed è stato pubblicato sul sito www.regioni.it.
In allegato il documento approvato.
11 Novembre 2015
Pubblicato ieri il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri di approvazione del Bando concernente le modalità e le procedure dei Progetti che costituiranno il Piano Nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate.
Un Bando - rivolto a tutti i Comuni, senza distinzione territoriale o dimensionale - che consente di presentare richiesta di finanziamento per progetti di riqualificazione “costituiti da un insieme coordinato di interventi diretti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale, nonché al miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale ed ambientale”.
23 Ottobre 2015
"La legge di stabilità per il 2016 contiene misure finalizzate all'adozione, con cadenza triennale, di un Piano nazionale per la lotta alla povertà e all'esclusione sociale, istituendo a tal fine un fondo presso il Ministero del lavoro al quale sono assegnati 600 milioni di Euro per il 2016 e 1000 milioni di Euro a partire dal 2017. Il Piano intende così colmare una lacuna, più volte evidenziata, che fa dell'Italia, insieme alla Grecia, l'unico paese europeo in cui manchi uno strumento generale e universale di contrasto alla povertà".
In allegato l'articolo del direttore di Legautonomie, Loreto Del Cimmuto, pubblicato su Italia Oggi il 23 ottobre.

X Questo sito non utilizza cookie di profilazione ma solo cookies tecnici di terze parti per l'analisi aggregata del traffico allo scopo di ottimizzarne navigazione e contenuti.
Per maggiori informazioni, consulta la privacy policy del sito.