L'articolo 35 del contratto Funzioni Centrali (con la stessa numerazione e formulazione nel contratto Funzioni Locali) ha introdotto un permesso retribuito nuovo che giustifica le assenze per effettuare visite, terapie, prestazioni specialistiche o esami diagnostici, che si distinguono dalla malattia in quanto assenze non caratterizzate da patologia in atto o incapacità lavorativa. I dipendenti pubblici hanno ora a disposizione 18 ore all'anno di permesso per visite che, non producendo incapacità lavorativa, consentono di rientrare in servizio.
Obbligo di nominare in tutti gli enti, «con ogni opportuna urgenza», il responsabile per la transizione al digitale (Rtd), senza che ciò implichi l'aumento del numero delle posizioni dirigenziali. Necessità che gli uffici preposti all’organizzazione, all’innovazione e alle tecnologie siano impegnati nell’attuazione delle misure per la digitalizzazione, processo da cui si devono determinare razionalizzazioni e miglioramenti dell'attività amministrativa. Sono queste le principali indicazioni contenute nella circolare della Funzione pubblica n. 3/2018, la prima circolare firmata dal ministro Bongiorno, emblematicamente, dedicata all’innovazione tecnologica nelle Pa.