TAGS PER ARGOMENTO

AGCM (2) Agcom (1) agenda digitale (1) agenda urbana (1) ALI/Municipia SpA (1) Alleanza contro la povertà (16) Ambiente (108) anac (4) ANCI (2) Anpr (1) Anticorruzione (14) antimafia (1) antiriciclaggio (3) Antitrust (1) Aran (4) ASviS (1) atac (1) Atti convegni (68) Attualità (109) autonomia (2) autonomie locali (4) Banda Ultra larga (179) bando periferie (1) Bergamo (1) Bes (2) bilanci (2) BUL (179) Camera dei deputati (5) Campania (1) casa (1) cdm (2) circoscrizioni (1) città metropolitane (2) clima (2) codice appalti (4) coesione (1) Comitato dei saggi (2) Comuni (16) conferenza statocittà (1) Conferenza Unificata (2) Conferimento cariche elettive (1) Congresso Legautonomie (2) Consiglio dei Ministri (31) Consiglio di Stato (13) contabilità armonizzata (1) Contratti pubblici (2) Controlli (3) Cooperazione internazionale (2) Corte Costituzionale (93) Corte dei Conti (68) Corte di Cassazione (17) Crescita Digitale in Comune (178) Criminalità (2) Cultura (26) Decentramento (10) DEF (1) DEF 2018 (2) Del Cimmuto (16) democrazia rappresentativa (1) derivati (3) DGUE (1) dignità amministratori (3) Di Maio (2) DL Sicurezza (2) Documenti di finanza pubblica (52) Dossier (42) economia (1) Elezioni Amministrative (6) elezioni politiche (1) elezioni regionali (1) EmiliaRomagna (1) energia (3) Enti Locali (18) enti territoriali (1) Europa (67) famiglie (1) Federalismo (201) Filippeschi (26) finanza pubblica (1) Finanza territoriale (786) finanziaria (1) Focus (35) Formazione (19) Forum PA (1) FSN (2) funzione pubblica (2) gioco d'azzardo (3) gioco d'azzardo/ludopatia (27) Giovanelli (1) giovani (1) GIT (1) Giustizia (57) Governare il territorio (3) Governo (4) Immigrazione (21) indennità (1) infiltrazioni mafiose (2) Infrastrutture (1) Innovazione digitale (7) inps (2) Interno (3) Istat (48) L'Associazione (81) Lavoro (32) Leganet (2) Legautonomie (93) Legge di Bilancio (2) Lucciarini (1) Macron (1) maltempo (1) marche (1) Marino Massaro (1) Matteo Ricci (31) MEF (2) Mezzogiorno (16) migranti (1) milleproroghe (4) Ministero economia e finanze (1) Minnucci (1) Misiani (1) MIT (2) NADEF (1) nord (1) nuovo codice appalti (3) Ordinamento Enti Locali (179) pa digitale (1) pareggio bilancio (1) Parlamento Europeo (1) Partecipate (2) patrimonio pubblico (1) PEG (1) pensioni (1) piani di riequilibrio finanziario (12) Piano Urbano Mobilità Sostenibile (1) Piccoli comuni (26) Pil (1) Pmi innovative (1) Politiche territoriali (185) polizia locale (1) Postdemocrazia (1) povertà (2) Privacy (2) Prodi (1) Province (11) Provincia Viterbo (1) pubblica ammnistrazione (7) pubblicità (1) Pubblico Impiego (8) pums (1) reddito (1) reddito di cittadinanza (2) reddito di inclusione sociale (2) reddito medio equivalente (1) Referendum (2) regioni (8) Rei (14) Riace (1) Ricerche (146) Riforma PA (228) Riforma Servizi pubblici (140) Riforme (1) Riforme Territoriali (1) Riscossione (1) Roma (1) sanità (3) scuola (2) Scuola/Università (23) Seminario (1) Servizi pubblici (3) Sicurezza urbana (44) sindaci (3) Siope (1) Sisma (4) smart city (3) smart road (1) Società partecipate (24) spesa pubblica (1) spid (1) Sprar (14) Startup (1) startup tunisia (4) Statocittà (1) Sviluppo economico/sociale (76) sviluppo sostenibile (1) TAR (4) trasparenza (1) Trentino Alto Adige (1) Tributi (4) Unione Europea (15) UPB (1) UPI (1) Welfare locale/sanità (185) XV Congresso nazionale Legautonomie (9)

Politiche territoriali Welfare locale/sanità

30 Luglio 2014

Limitazione uso apparecchi da gioco: ai Comuni più poteri di "chiusura"

I sindaci possono mettere un freno alla diffusione delle sale giochi. È quanto ha affermato la Corte Costituzionale, rispondendo al Tar del Piemonte dopo il ricorso di Lottomatica e di altre società del gioco contro i Comuni di Rivoli e Santhià, che avevano posto limiti all’orario e alla distribuzione delle slot. La pronuncia non risolve la diatriba tra operatori del gioco e amministratori, ma fissa alcuni punti.

Il Tar del Piemonte s’era rivolto alla Corte ritenendo che le leggi non consentissero ai primi cittadini di combattere la ludopatia, ad esempio mettendo un timer alle slot o allontanandole da scuole e oratori. Secondo il tribunale amministrativo, questa impossibilità era incostituzionale. La posizione del Tar era: "I sindaci dovrebbero avere questo potere: ci vuole una legge che lo riconosca".
I giudici della Corte - relatore Giuliano Amato - hanno rigettato le tesi del Tar, che quindi dovrà pronunciarsi sui ricorsi. Motivando la sentenza, depositata il 18 luglio, hanno affermato che non servono nuove leggi per dare poteri ai sindaci: quei poteri li hanno già, basta interpretare la legge.
È vero, i giudici riconoscono che ci sono state sentenze di segno opposto, alcune favorevoli ai sindaci, altre ai gestori del gioco. Questo perché è in corso "un’evoluzione della giurisprudenza amministrativa", perciò nel giudicare i singoli casi vanno esplorate diverse possibilità. Ad esempio, i Comuni possono imporre dei limiti agli orari "per tutelare la salute, la quiete pubblica o la circolazione stradale". È quanto riconosce la manovra del 2011 in deroga alle liberalizzazioni: può essere fatto valere per tutte le nuove aperture. Mentre la questione è più controversa per quelle già attive. C’è poi lo strumento principe di ogni consiglio comunale, la pianificazione urbanistica.
Il Comune di Rivoli ha adottato un regolamento che spegne le slot machine dalle 23 alle 12 – 2per limitare il gioco tra le casalinghe e i giovani" spiega il sindaco Franco Dessì – e vieta di posizionarle a meno di 400 metri da scuole, chiese, ospedali. Decisioni prese dopo la relazione dell’Asl di zona sulle ludopatie. "Questa sentenza ci dà forza – dice il sindaco –. Ora vorremmo intervenire per limitare anche le sale autorizzate dalla Questura". Quello dei permessi che arrivano da enti diversi è un altro problema: si nutre del conflitto interno allo Stato tra contrasto al gioco patologico e utile che ne deriva.