TAGS PER ARGOMENTO

Acque reflue (2) AGCM (2) Alleanza contro la povertà (14) Ambiente (108) Anticorruzione (14) antiriciclaggio (3) atac (1) Atti convegni (68) Attualità (109) Banda Ultra larga (15) BUL (5) Camera dei deputati (5) Comitato dei saggi (2) Comuni (1) Conferimento cariche elettive (1) Consiglio dei Ministri (31) Consiglio di Stato (10) contabilità armonizzata (1) Cooperazione internazionale (2) Corte Costituzionale (44) Corte dei Conti (35) Corte di Cassazione (9) Crescita Digitale in Comune (1) Criminalità (3) Cultura (26) Decentramento (10) Del Cimmuto (16) derivati (3) Documenti di finanza pubblica (51) Dossier (42) Elezioni Amministrative (2) energia (3) Enti Locali (8) Europa (57) Federalismo (201) Filippeschi (21) Finanza territoriale (776) Focus (35) Formazione (18) gioco d'azzardo/ludopatia (27) Giustizia (57) Immigrazione (18) Innovazione digitale (5) L'Associazione (78) Lavoro (31) Leganet (2) Legautonomie (74) Mezzogiorno (14) Ministero economia e finanze (1) Ordinamento Enti Locali (179) piani di riequilibrio finanziario (12) Piccoli comuni (22) Pmi innovative (1) Politiche territoriali (185) Privacy (1) Province (6) Pubblico Impiego (6) Rapporto annuale Istat (3) Referendum (2) Rei (6) Ricerche (146) Riforma PA (228) Riforma Servizi pubblici (140) Riforme (1) Scuola/Università (20) Sicurezza urbana (41) Sisma (3) smart city (2) Società partecipate (23) Sprar (13) Startup (1) Sviluppo economico/sociale (74) TAR (1) Tributi (4) Unione Europea (14) Welfare locale/sanità (185) XV Congresso nazionale Legautonomie (9)

BUL Banda Ultra larga

13 Novembre 2017

Aree bianche di Calabria, Puglia e Sardegna: al via la consultazione

Dopo i primi due bandi di gara, che hanno coinvolto 16 regioni e la provincia autonoma di Trento, è stato avviato l’iter per il terzo avviso Infratel  previsto dal Piano strategico nazionale al fine di poter garantire la banda ultra larga nelle cosiddette aree a fallimento di mercato.

Il Mise ha dato mandato ad Infratel di procedere con la consultazione per assicurare che non vi sia sovrapposizione tra l’intervento pubblico e quelli già effettuati o pianificati nei prossimi tre anni dagli operatori privati. A questo scopo agli operatori è chiesto di confermare i livelli di copertura esistenti nelle rispettive aree o, in caso contrario, di indicare eventuali variazioni specificando al tempo stesso, i piani di copertura previsti nel prossimo triennio per avere una fotografia al primo settembre 2017 ed altrettante alla stessa data del 2018, 2019 e 2020.

I piani di copertura dichiarati dagli operatori dovranno corrispondere a decisioni strategiche ed esecutive già adottate o deliberate dagli organi competenti di indirizzo e gestione, come pure le dichiarazioni dovranno essere sottoscritte dal legale rappresentante o dal procuratore.

Le indicazioni che gli operatori forniranno dovranno riguardare, per i singoli numeri civici inclusi nelle aree bianche oggetto di consultazione, tutte le informazioni relative alle infrastrutture abilitanti la Nga (Next generation access).