TAGS PER ARGOMENTO

Acque reflue (2) AGCM (2) agenda digitale (1) agenda urbana (1) Alleanza contro la povertà (14) Ambiente (108) anac (1) Anticorruzione (14) antimafia (1) antiriciclaggio (3) Antitrust (1) associazionismo comunale (1) atac (1) Atti convegni (68) Attualità (109) autonomie locali (2) Banda Ultra larga (69) Beni Comuni (1) Bergamo (1) bilanci (1) BUL (68) Camera dei deputati (5) casa (1) cdm (1) circoscrizioni (1) città metropolitane (2) codice appalti (3) coesione (1) Comitato dei saggi (2) Comuni (9) comuni sciolti (1) conferenza statocittà (1) Conferenza Unificata (2) Conferimento cariche elettive (1) Consiglio dei Ministri (31) Consiglio di Stato (12) contabilità armonizzata (1) Contratti pubblici (2) Cooperazione internazionale (2) Corte Costituzionale (73) Corte dei Conti (45) Corte di Cassazione (15) Crescita Digitale in Comune (67) Criminalità (3) Cultura (26) Decentramento (10) Del Cimmuto (16) derivati (3) Documenti di finanza pubblica (52) Dossier (42) Elezioni Amministrative (4) elezioni politiche (1) elezioni regionali (1) energia (3) Enti Locali (14) enti territoriali (1) Europa (60) famiglie (1) Federalismo (201) Filippeschi (23) Finanza territoriale (781) Focus (35) Formazione (18) Forum PA (1) gioco d'azzardo (2) gioco d'azzardo/ludopatia (27) giovani (1) GIT (1) Giustizia (57) Governare il territorio (2) Governo (2) Immigrazione (18) indennità (1) infiltrazioni mafiose (1) Infrastrutture (1) Innovazione digitale (5) Interno (3) Istat (1) L'Associazione (78) Lavoro (32) Leganet (2) Legautonomie (79) Macron (1) mafia (1) matteo ricci (1) MEF (1) Mezzogiorno (14) Ministero economia e finanze (1) Minnucci (1) MIT (1) nord (1) nuovo codice appalti (2) Ordinamento Enti Locali (179) Parlamento Europeo (1) Partecipate (1) patrimonio pubblico (1) PEG (1) piani di riequilibrio finanziario (12) Piano Urbano Mobilità Sostenibile (1) Piccoli comuni (23) Pil (1) Pmi innovative (1) Politiche territoriali (185) polizia locale (1) povertà (1) Privacy (1) Province (11) Provincia Viterbo (1) pubblica ammnistrazione (2) Pubblico Impiego (6) pums (1) Rapporto annuale Istat (3) reddito (1) reddito di inclusione sociale (2) reddito medio equivalente (1) Referendum (2) regioni (4) Rei (11) Ricerche (146) Riforma PA (228) Riforma Servizi pubblici (140) Riforme (1) sanità (1) Scuola/Università (22) Seminario (1) Servizi pubblici (1) Sicurezza urbana (43) sindaci (1) Sisma (4) smart city (3) smart road (1) Società partecipate (23) spid (1) Sprar (13) Startup (1) Statocittà (1) sussidiarietà (1) Sviluppo economico/sociale (75) TAR (2) trasparenza (1) Tributi (4) Unione Europea (15) UPI (1) Welfare locale/sanità (185) XV Congresso nazionale Legautonomie (9)

BUL Banda Ultra larga Crescita Digitale in Comune

25 Novembre 2017

Porto San Giorgio, arriva la banda ultra larga

“L’amministrazione comunale ha aderito perché a trarne vantaggi saranno varie zone a ridosso della costa, collinari e del quartiere Santa Vittoria” ha detto l’assessore Giampiero Marcattili presentando lo schema di convenzione che la giunta municipale ha sottoscritto con la società Infratel Italia per il programma di investimento finalizzato alla realizzazione di infrastrutture per la banda in fibra ottica ultra larga con velocità di connessione superiore a 30 megabit al secondo.

Lo schema di convenzione – come riferito dall’Ente - disciplina i rapporti tra Comune e Infratel e i soggetti appaltatori, per poter procedere all’avvio rapido della progettazione definitiva ed esecutiva e quindi all’inizio dei lavori nel 2018. Con l’approvazione dell’atto, su proposta del dirigente Carlo Popolizio, la giunta  ha autorizzato quest’ultimo alla sottoscrizione della convenzione ed alla relativa attuazione attraverso una serie di procedimenti semplificativi e veloci delle procedure di scavo e ripristino ma anche di installazione della fibra ottica in quella parte di territorio cosiddetta “bianca”, cioè ancora non servita. La proposta non comporta impegni di spesa. Una parte del territorio comunale risulta, in base al nuovo Piano strategico nazionale per banda ultralarga, inserito nelle “aree bianche” con intervento pubblico diretto. Le “aree bianche” sono da intendersi come le zone in cui la stessa struttura per la banda larga è limitata o inesistente e nelle quali è improbabile che nel prossimo triennio investitori privati, come gli stessi operatori telefonici, provvedano a sviluppare unità sufficienti per garantire i servizi minimi di capacità di trasmissione atti a superare il Digital divide rispetto agli altri Paesi europei. Infratel SpA  ha già assegnato i lavori tramite gara ad evidenza pubblica e quindi è pronta ad avviare le attività di progettazione e realizzazione”.