TAGS PER ARGOMENTO

Acque reflue (2) AGCM (2) Agcom (1) agenda digitale (1) agenda urbana (1) Alleanza contro la povertà (14) Ambiente (108) anac (2) ANCI (1) Anticorruzione (14) antimafia (1) antiriciclaggio (3) Antitrust (1) Aran (1) associazionismo comunale (1) atac (1) Atti convegni (68) Attualità (109) autonomie locali (2) Banda Ultra larga (105) bando periferie (1) Beni Comuni (1) Bergamo (1) bilanci (2) BUL (104) Camera dei deputati (5) Campania (1) casa (1) cassazione (1) cdm (2) circoscrizioni (1) città metropolitane (2) codice appalti (3) coesione (1) Comitato dei saggi (2) Comuni (14) comuni sciolti (1) conferenza statocittà (1) Conferenza Unificata (2) Conferimento cariche elettive (1) Consiglio dei Ministri (31) Consiglio di Stato (12) contabilità armonizzata (1) Contratti pubblici (2) controlli interni (1) Cooperazione internazionale (2) Corte Costituzionale (78) Corte dei Conti (49) Corte di Cassazione (15) Crescita Digitale in Comune (103) Criminalità (3) Cultura (26) Decentramento (10) DEF (1) DEF 2018 (2) Del Cimmuto (16) derivati (3) Di Maio (2) Documenti di finanza pubblica (52) Dossier (42) Elezioni Amministrative (4) elezioni politiche (1) elezioni regionali (1) energia (3) Enti Locali (16) enti territoriali (1) Europa (61) famiglie (1) Federalismo (201) Filippeschi (26) finanza pubblica (1) Finanza territoriale (786) finanziaria (1) Focus (35) Formazione (18) Forum PA (1) FSN (2) funzione pubblica (1) gioco d'azzardo (3) gioco d'azzardo/ludopatia (27) Giovanelli (1) giovani (1) GIT (1) Giustizia (57) Governare il territorio (2) Governo (4) Immigrazione (20) indennità (1) infiltrazioni mafiose (1) Infrastrutture (1) Innovazione digitale (7) inps (2) Interno (3) Istat (1) L'Associazione (78) Lavoro (32) Leganet (2) Legautonomie (87) Macron (1) mafia (1) Marino Massaro (1) matteo ricci (1) MEF (1) Mezzogiorno (14) milleproroghe (4) Ministero economia e finanze (1) Minnucci (1) Misiani (1) MIT (1) NADEF (1) nord (1) nuovo codice appalti (2) Ordinamento Enti Locali (179) pa digitale (1) pareggio bilancio (1) Parlamento Europeo (1) Partecipate (1) patrimonio pubblico (1) PEG (1) pensioni (1) piani di riequilibrio finanziario (12) Piano Urbano Mobilità Sostenibile (1) Piccoli comuni (25) Pil (1) Pmi innovative (1) Politiche territoriali (185) polizia locale (1) povertà (2) Privacy (1) Province (11) Provincia Viterbo (1) pubblica ammnistrazione (6) pubblicità (1) Pubblico Impiego (7) pums (1) Rapporto annuale Istat (3) reddito (1) reddito di cittadinanza (2) reddito di inclusione sociale (2) reddito medio equivalente (1) Referendum (2) regioni (6) Rei (12) Riace (1) Ricerche (146) Riforma PA (228) Riforma Servizi pubblici (140) Riforme (1) sanità (3) Scuola/Università (22) Seminario (1) Servizi pubblici (3) Sicurezza urbana (43) sindaci (3) Siope (1) Sisma (4) smart city (3) smart road (1) Società partecipate (24) spesa pubblica (1) spid (1) Sprar (13) Startup (1) Statocittà (1) sussidiarietà (1) Sviluppo economico/sociale (75) Svimez (1) TAR (2) trasparenza (1) Tributi (4) Unione Europea (15) UPB (1) UPI (1) Welfare locale/sanità (185) XV Congresso nazionale Legautonomie (9)

BUL Banda Ultra larga Crescita Digitale in Comune

05 Aprile 2018

Banda Ultralarga: al via la consultazione per le aree grigie

Dopo il via libera arrivato nei giorni scorsi dal Comitato banda ultralarga (Cobul), è stato pubblicato e messo a consultazione il Piano degli investimenti nelle aree grigie del Paese. Si tratta della seconda fase di attuazione della Strategia Italiana per La Banda Ultralarga che vede  il Governo impegnato, già dallo scorso anno, negli interventi nelle cosiddette aree bianche, cioè quelle a fallimento di mercato. Le aree grigie sono quelle in cui la presenza di un operatore di rete privato non consente di raggiungere un’offerta in linea con le attese né si riscontra l’intenzione ad investire da parte di imprese private nei prossimi tre anni, per il potenziamento dei servizi.

L’intervento pubblico nelle aree grigie intende sostenere i progetti di investimento in reti a velocità di 1 giga simmetrico, realizzando in tal modo – si legge nel documento – un salto di qualità tecnologico mediante una rete a prova di futuro, abilitante l’offerta di servizi a connettività ultraveloce. Attualmente nelle aree interessate, la presenza di un operatore di rete privato non consente di raggiungere un’offerta di servizi di connettività superiore a 30 Mbit/s in download e a 15 Mbit/s in upload.

Il piano per le aree grigie viene adesso messo in consultazione, per poterlo poi inviare alla Commissione europea (che ha già dato un preliminare parere favorevole) e procedere con la definizione degli incentivi. All’art. 6 del piano stesso si invitano “i soggetti interessati a presentare eventuali osservazioni, entro 30 giorni dalla data di pubblicazione” sul sito istituzionale http://bandaultralarga.italia.it/ del Governo italiano e sul sito www.infratelitalia.it di Infratel Italia S.p.A.

“Con questa decisione – osserva il Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti, presidente del Cobul – diventa realtà la scelta del Governo di fare in modo che tutte le aree del Paese siano collegate dalla rete in fibra e abbiano le loro carte da giocare sul terreno della qualità della vita dei cittadini e degli investimenti, leva fondamentale per lo sviluppo”.

Per il sottosegretario allo Sviluppo Economico, Antonello Giacomelli, “quest’ultimo passaggio consentirà di migliorare l’intervento del Governo in tema di banda ultralarga sul territorio nazionale, aggiungendosi alle altre iniziative pubbliche a sostegno dei servizi digitali innovativi intraprese da tempo, tra cui quelle dedicate alla realizzazione della connettività in tecnologia 5G”.

Con la consultazione Infratel Italia si rivolge direttamente agli stakeholders al fine di raccogliere eventuali osservazioni in merito all’intervento pubblico nelle aree grigie finalizzato a raggiungere già nel 2020 gli obiettivi dell’agenda digitale europea e, entro il 2025, quelli preposti alla Comunicazione della Commissione europea sulla Giga society. Nelle prossime settimane, dunque, gli operatori saranno chiamati a comunicare le loro osservazioni sul progetto di intervento pubblico.

Il documento pubblicato oggi per la consultazione pubblica del Piano è l’ultimo adempimento procedurale prima della notifica formale alla Commissione europea, per giungere infine ad una decisione entro l’estate.