TAGS PER ARGOMENTO

Acque reflue (2) AGCM (2) agenda digitale (1) agenda urbana (1) Alleanza contro la povertà (14) Ambiente (108) Anticorruzione (14) antimafia (1) antiriciclaggio (3) associazionismo comunale (1) atac (1) Atti convegni (68) Attualità (109) autonomie locali (2) Banda Ultra larga (64) Beni Comuni (1) Bergamo (1) bilanci (1) BUL (63) Camera dei deputati (5) casa (1) cdm (1) città metropolitane (2) codice appalti (1) Comitato dei saggi (2) Comuni (6) comuni sciolti (1) conferenza statocittà (1) Conferenza Unificata (2) Conferimento cariche elettive (1) Consiglio dei Ministri (31) Consiglio di Stato (12) contabilità armonizzata (1) Contratti pubblici (2) Cooperazione internazionale (2) Corte Costituzionale (62) Corte dei Conti (43) Corte di Cassazione (14) Corte di conti (1) Crescita Digitale in Comune (63) Criminalità (3) Cultura (26) Decentramento (10) Del Cimmuto (16) derivati (3) Documenti di finanza pubblica (52) Dossier (42) Elezioni Amministrative (2) elezioni politiche (1) elezioni regionali (1) energia (3) Enti Locali (12) enti territoriali (1) Europa (58) famiglie (1) Federalismo (201) Filippeschi (23) Finanza territoriale (781) Focus (35) Formazione (18) Forum PA (1) gioco d'azzardo (2) gioco d'azzardo/ludopatia (27) giovani (1) GIT (1) Giustizia (57) Governare il territorio (2) Governo (1) Immigrazione (18) indennità (1) infiltrazioni mafiose (1) Infrastrutture (1) Innovazione digitale (3) Interno (3) L'Associazione (78) Lavoro (32) Leganet (2) Legautonomie (78) Macron (1) mafia (1) matteo ricci (1) MEF (1) Mezzogiorno (14) Ministero economia e finanze (1) Minnucci (1) MIT (1) nord (1) nuovo codice appalti (2) Ordinamento Enti Locali (179) Parlamento Europeo (1) Partecipate (1) patrimonio pubblico (1) PEG (1) piani di riequilibrio finanziario (12) Piano Urbano Mobilità Sostenibile (1) Piccoli comuni (23) Pmi innovative (1) Politiche territoriali (185) polizia locale (1) povertà (1) Privacy (1) Province (10) pubblica ammnistrazione (1) Pubblico Impiego (6) pums (1) Rapporto annuale Istat (3) reddito (1) reddito di inclusione sociale (2) reddito medio equivalente (1) Referendum (2) regioni (4) Rei (11) Ricerche (146) Riforma PA (228) Riforma Servizi pubblici (140) Riforme (1) sanità (1) Scuola/Università (22) Seminario (1) Servizi pubblici (1) Sicurezza urbana (43) sindaci (1) Sisma (4) smart city (3) smart road (1) Società partecipate (23) spid (1) Sprar (13) Startup (1) sussidiarietà (1) Sviluppo economico/sociale (74) TAR (2) Tributi (4) Unione Europea (15) UPI (1) Welfare locale/sanità (185) XV Congresso nazionale Legautonomie (9)

Legautonomie TAR gioco d'azzardo Conferenza Unificata

02 Maggio 2018

Gioco d'azzardo, Legautonomie: sentenza Tar Veneto significativa. Ascoltare Comuni e rivedere intesa conferenza unificata

Legautonomie esprime vivo apprezzamento alla sentenza del Tar del Veneto che ha respinto il ricorso contro il Comune di Bassano del Grappa giudicando legittime le fasce orarie deliberate per regolamentare l'apertura e la chiusura delle sale giochi e le sale scommesse nel territorio comunale.   

Nel respingere il ricorso degli operatori che avevano impugnato l'ordinanza comunale anche provando a far leva sull’accordo siglato in Conferenza Unificata lo scorso settembre, il Tar ha sottolineato che tale intesa non ha valore perché non recepita da decreto ministeriale. Inoltre, nella motivazione della sentenza si compie un passo in avanti spiegando chiaramente che nell’attuale momento storico la diffusione del fenomeno della dipendenza da gioco d'azzardo "in ampie fasce della società civile costituisce un fatto notorio o, comunque, una nozione di fatto di comune esperienza, come attestano le numerose iniziative di contrasto assunte dalle autorità pubbliche a livello europeo, nazionale e regionale".

"Apprezziamo l'interessamento da parte del sottosegretario Baretta di accelerare i tempi per l'adozione del decreto - ha dichiarato Marco Filippeschi, presidente di Legautonomie -, sarebbe tuttavia opportuno tutelare le esigenze dei territori anche rivedendo l'intesa in Conferenza Unificata che forse non risponde in pieno alle esigenze dei Comuni, in particolare sul fronte degli orari delle aperture e chiusure delle sale giochi e delle distanze di queste dai luoghi cosiddetti sensibili (scuole, ospedali, etc)".

"I comuni - conclude Filippeschi - sono in prima linea nel combattere questa battaglia quotidiana, e lo fanno con risorse scarse, costretti a difendere anche nelle aule dei tribunali le loro politiche compiute in difesa della salute e della sicurezza dei cittadini".