TAGS PER ARGOMENTO

Acque reflue (2) AGCM (2) Agcom (1) agenda digitale (1) agenda urbana (1) Alleanza contro la povertà (14) Ambiente (108) anac (2) ANCI (2) Anpr (1) Anticorruzione (14) antimafia (1) antiriciclaggio (3) Antitrust (1) appalti pubblici (1) Aran (2) associazionismo comunale (1) atac (1) Atti convegni (68) Attualità (109) autonomie locali (2) Banda Ultra larga (110) bando periferie (1) Beni Comuni (1) Bergamo (1) bilanci (2) BUL (109) Camera dei deputati (5) Campania (1) casa (1) cassazione (1) cdm (2) circoscrizioni (1) città metropolitane (2) codice appalti (3) coesione (1) Comitato dei saggi (2) Comuni (15) comuni sciolti (1) conferenza statocittà (1) Conferenza Unificata (2) Conferimento cariche elettive (1) Consiglio dei Ministri (31) Consiglio di Stato (13) contabilità armonizzata (1) Contratti pubblici (2) controlli interni (1) Cooperazione internazionale (2) Corte Costituzionale (81) Corte dei Conti (49) Corte di Cassazione (15) Crescita Digitale in Comune (108) Criminalità (3) Cultura (26) Decentramento (10) DEF (1) DEF 2018 (2) Del Cimmuto (16) democrazia rappresentativa (1) derivati (3) DGUE (1) Di Maio (2) Documenti di finanza pubblica (52) Dossier (42) economia (1) Elezioni Amministrative (5) elezioni politiche (1) elezioni regionali (1) EmiliaRomagna (1) energia (3) Enti Locali (17) enti territoriali (1) Europa (63) famiglie (1) Federalismo (201) Filippeschi (26) finanza pubblica (1) Finanza territoriale (786) finanziaria (1) Focus (35) Formazione (18) Forum PA (1) FSN (2) funzione pubblica (1) gioco d'azzardo (3) gioco d'azzardo/ludopatia (27) Giovanelli (1) giovani (1) GIT (1) Giustizia (57) Governare il territorio (2) Governo (4) Immigrazione (21) indennità (1) infiltrazioni mafiose (1) Infrastrutture (1) Innovazione digitale (7) inps (2) Interno (3) Istat (1) L'Associazione (78) Lavoro (32) Leganet (2) Legautonomie (87) Macron (1) mafia (1) maltempo (1) Marino Massaro (1) matteo ricci (1) MEF (2) Mezzogiorno (14) milleproroghe (4) Ministero economia e finanze (1) Minnucci (1) Misiani (1) MIT (1) NADEF (1) nord (1) nuovo codice appalti (2) Ordinamento Enti Locali (179) pa digitale (1) pareggio bilancio (1) Parlamento Europeo (1) Partecipate (1) patrimonio pubblico (1) PEG (1) pensioni (1) piani di riequilibrio finanziario (12) Piano Urbano Mobilità Sostenibile (1) Piccoli comuni (25) Pil (1) Pmi innovative (1) Politiche territoriali (185) polizia locale (1) Postdemocrazia (1) povertà (2) Privacy (1) Province (11) Provincia Viterbo (1) pubblica ammnistrazione (6) pubblicità (1) Pubblico Impiego (7) pums (1) Rapporto annuale Istat (3) reddito (1) reddito di cittadinanza (2) reddito di inclusione sociale (2) reddito medio equivalente (1) Referendum (2) regioni (7) Rei (12) Riace (1) Ricerche (146) Riforma PA (228) Riforma Servizi pubblici (140) Riforme (1) Riscossione (1) sanità (3) scuola (2) Scuola/Università (23) Seminario (1) Servizi pubblici (3) Sicurezza urbana (43) sindaci (3) Siope (1) Sisma (4) smart city (3) smart road (1) Società partecipate (24) spesa pubblica (1) spid (1) Sprar (13) Startup (1) Statocittà (1) sussidiarietà (1) Sviluppo economico/sociale (75) Svimez (1) TAR (2) trasparenza (1) Trentino Alto Adige (1) Tributi (4) Unione Europea (15) UPB (1) UPI (1) Welfare locale/sanità (185) XV Congresso nazionale Legautonomie (9)

Innovazione digitale Finanza territoriale

10 Luglio 2018

SIOPE+ la piattaforma che intermedia pagamenti e incassi delle P.A. entra a regime anche per i comuni più piccoli

Dopo Regioni, Province, Città Metropolitane e Comuni di maggiori dimensioni, l’obbligo di utilizzare esclusivamente SIOPE+ per trasmettere ordini di pagamento e incasso si estende a tutti i comuni e alle strutture sanitarie. Per migliorare il monitoraggio del ciclo delle entrate e delle spese degli enti pubblici e, in particolare, dei tempi di pagamento dei debiti commerciali, la legge di bilancio 2017 ha previsto l’evoluzione del sistema di rilevazione SIOPE nella nuova piattaforma SIOPE+, che intermedia tutti gli ordini d’incasso e pagamento emessi dall’ente e integra le informazioni rilevate con quelle delle fatture passive registrate dalla Piattaforma dei Crediti Commerciali.

Il passaggio a SIOPE+ sta avvenendo in maniera graduale: hanno già aderito al nuovo sistema le Regioni, le Città metropolitane, le Province e i comuni più grandi; dal primo luglio l’obbligo è stato esteso a 1.115 comuni di media dimensione (tra 10.001 e 60.000 abitanti) mentre il primo ottobre partiranno i comuni più piccoli e le strutture sanitarie (in tutto oltre 7.000 enti), secondo quanto stabilito da decreti del MEF.

L’adesione a SIOPE+ comporta i seguenti obblighi:

-          ordinare incassi e pagamenti al proprio tesoriere o cassiere utilizzando esclusivamente ordinativi informatici emessi secondo lo standard definito dall’AgID (OPI);

-          trasmettere gli ordinativi informatici al tesoriere/cassiere solo ed esclusivamente per il tramite dell’infrastruttura SIOPE, gestita dalla Banca d’Italia.

A partire dalle date definite i tesorieri non potranno accettare ordini di pagamento e incasso emessi con modalità diverse da quelle appena descritte.

Per i comuni con popolazione inferiore ai 10.000 abitanti e le Aziende Sanitarie e Ospedaliere, la cui partenza è prevista il 1° ottobre prossimo, è già disponibile un ambiente informatico su cui eseguire i collaudi obbligatori.

https://www.bancaditalia.it/compiti/tesoreria/plus-siope/PIANO-dei-collaudi-SIOPE.pdf

Il 1° gennaio 2019 dovranno aderire a SIOPE+ i Consigli regionali e provinciali delle Regioni e Province autonome, le Unioni di Comuni, le Comunità montane, Comunità isolane e gli altri enti locali indicati dall'articolo 2 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, gli Enti strumentali in contabilità finanziaria delle Regioni, delle Province autonome di Trento e di Bolzano e degli enti locali, compresi gli enti gestori di parchi, Organismi strumentali delle Regioni, delle Province autonome di Trento e di Bolzano e degli enti locali, gli Enti parco nazionali, gli Enti gestori di parchi in contabilità economico-patrimoniale, gli Enti di ricerca nazionali, le Università pubbliche, le Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura, le Istituzioni degli enti locali, gli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico pubblici, gli Istituti zooprofilattici sperimentali, le Aziende sanitarie regionali (collaudi aperti da novembre 2018).

ALLO SCOPO DI EVITARE PROBLEMI OPERATIVI NELL’ORDINARIA GESTIONE DEL SERVIZIO DI INCASSI E PAGAMENTI, SI SOTTOLINEA LA NECESSITA’ CHE TUTTI I RESPONSABILI DEGLI ENTI E I LORO TESORIERI SI ATTIVINO TEMPESTIVAMENTE PER PREDISPORSI ALL’UTILIZZO DEL NUOVO SISTEMA, AVVIANDO LA FASE DI COLLAUDO RAPIDAMENTE E IN ANTICIPO RISPETTO ALLE SCADENZE INDICATE E CONTATTANDO LA BANCA D’ITALIA ALL’INDIRIZZO www.siopeplus.it.

Tutti le informazioni e i documenti necessari per dar seguito agli obblighi di legge sono disponibili sui siti dedicati della Ragioneria Generale dello Stato, della Banca d'Italia e dell’Agenzia per l’Italia Digitale:

http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-I/e_government/amministrazioni_pubbliche/siope/siope_/

https://www.bancaditalia.it/compiti/tesoreria/plus-siope/index.html

https://www.agid.gov.it/it/piattaforme/siope