TAGS PER ARGOMENTO

Acque reflue (2) AGCM (2) Agcom (1) agenda digitale (1) agenda urbana (1) Alleanza contro la povertà (16) Ambiente (108) anac (2) ANCI (2) Anpr (1) Anticorruzione (14) antimafia (1) antiriciclaggio (3) Antitrust (1) appalti pubblici (2) Aran (3) associazionismo comunale (1) atac (1) Atti convegni (68) Attualità (109) autonomia (1) autonomie locali (4) banda (1) Banda Ultra larga (154) bando periferie (1) Beni Comuni (1) Bergamo (1) Bes (1) bilanci (2) BUL (154) Camera dei deputati (5) Campania (1) casa (1) cdm (2) circoscrizioni (1) città metropolitane (2) clima (1) codice appalti (4) coesione (1) Comitato dei saggi (2) Comuni (16) comuni sciolti (1) conferenza statocittà (1) Conferenza Unificata (2) Conferimento cariche elettive (1) Congresso Legautonomie (2) Consiglio dei Ministri (31) Consiglio di Stato (13) contabilità armonizzata (1) Contratti pubblici (2) Controlli (1) controlli interni (1) Cooperazione internazionale (2) Corte Costituzionale (92) Corte dei Conti (62) Corte di Cassazione (16) Crescita Digitale in Comune (153) Criminalità (3) Cultura (26) Decentramento (10) DEF (1) DEF 2018 (2) Del Cimmuto (16) democrazia rappresentativa (1) derivati (3) DGUE (1) dignità amministratori (3) Di Maio (2) DL Sicurezza (2) Documenti di finanza pubblica (52) Dossier (42) economia (1) Elezioni Amministrative (5) elezioni politiche (1) elezioni regionali (1) EmiliaRomagna (1) energia (3) Enti Locali (18) enti territoriali (1) Europa (66) famiglie (1) Federalismo (201) Filippeschi (26) finanza pubblica (1) Finanza territoriale (786) finanziaria (1) Focus (35) Formazione (19) Forum PA (1) FSN (2) funzione pubblica (1) gioco d'azzardo (3) gioco d'azzardo/ludopatia (27) Giovanelli (1) giovani (1) GIT (1) Giustizia (57) Governare il territorio (2) Governo (4) Immigrazione (21) indennità (1) infiltrazioni mafiose (1) Infrastrutture (1) Innovazione digitale (7) inps (2) Interno (3) Istat (1) L'Associazione (80) Lavoro (32) Leganet (2) Legautonomie (93) Legge di Bilancio (2) Lucciarini (1) Macron (1) mafia (1) maltempo (1) Marino Massaro (1) matteo ricci (16) MEF (2) Mezzogiorno (14) migranti (1) milleproroghe (4) Ministero economia e finanze (1) Minnucci (1) Misiani (1) MIT (2) NADEF (1) nord (1) nuovo codice appalti (2) Ordinamento Enti Locali (179) pa digitale (1) pareggio bilancio (1) Parlamento Europeo (1) Partecipate (2) patrimonio pubblico (1) PEG (1) pensioni (1) piani di riequilibrio finanziario (12) Piano Urbano Mobilità Sostenibile (1) Piccoli comuni (26) Pil (1) Pmi innovative (1) Politiche territoriali (185) polizia locale (1) Postdemocrazia (1) povertà (2) Privacy (2) Prodi (1) Province (11) Provincia Viterbo (1) pubblica ammnistrazione (6) pubblicità (1) Pubblico Impiego (8) pums (1) Rapporto annuale Istat (3) reddito (1) reddito di cittadinanza (2) reddito di inclusione sociale (2) reddito medio equivalente (1) Referendum (2) regioni (8) Rei (14) Riace (1) Ricci (2) Ricerche (146) Riforma PA (228) Riforma Servizi pubblici (140) Riforme (1) Riscossione (1) Roma (1) sanità (3) scuola (2) Scuola/Università (23) Seminario (1) Servizi pubblici (3) Sicurezza urbana (44) sindaci (4) Siope (1) Sisma (4) smart city (3) smart road (1) Società partecipate (24) spesa pubblica (1) spid (1) Sprar (14) Startup (1) startup tunisia (4) Statocittà (1) sussidiarietà (1) Sviluppo economico/sociale (75) Svimez (1) TAR (3) trasparenza (1) Trentino Alto Adige (1) Tributi (4) Unione Europea (15) UPB (1) UPI (1) Welfare locale/sanità (185) XV Congresso nazionale Legautonomie (9)

Rei Legautonomie Alleanza contro la povertà

17 Gennaio 2019

Nel Decreto sul Reddito di cittadinanza rischio di annullare la centralità del Comune nella gestione degli interventi

Legautonomie è fra le associazioni che hanno fondato l'Alleanza Contro la Povertà il cui lavoro ha portato al varo del Rei. Ancorché finanziato in misura assolutamente inadeguata quella misura ha rappresentato il primo passo verso una politica universalistica di contrasto alla povertà assoluta e alla presa in carico dai Comuni di persone in condizioni di fragilità da sostenere non solo economicamente ma anche nella definizione di un percorso verso l'inserimento nel mondo del lavoro. Il Decreto che il Governo sta andando ad approvare poteva essere una opportunità straordinaria se avesse soddisfatto una di queste  due condizioni: incrementava le risorse a sostegno del Rei senza modificarne la struttura consentendo così di ampliare significativamente la platea dei beneficiari e l'efficacia delle azioni di presa in carico, oppure confermava il Rei e lo affiancava con una misura non di tipo sociale ma strettamente lavoristica tesa a sostenere le figure più fragili nel percorso di immissione nel mercato del lavoro.

Il Decreto che si va ad approvare invece afferma di essere una misura sociale, quindi formalmente simile al Rei, salvo poi invece avere contenuti prettamente lavoristici fino al paradosso che risorse destinate al sociale finirebbero in tasca agli imprenditori qualora questi assumessero un beneficiario della misura assistenziale. Quindi la misura diventa un ircocervo con conseguenti complessità gestionali praticamente inestricabili che finiranno per trasformare la misura in un finanziamento a pioggia.

Salta infatti la centralità del Comune nella gestione dei progetti di presa in carico, vi subentra un rafforzamento ( in se positivo) relativo dei centri per l'impiego con il piccolo dettaglio che la loro operatività rafforzata non può certo coincidere con la data di Aprile come primo mese di erogazione del Reddito di Cittadinanza. Saltano i meccanismi di pianificazione e monitoraggio. 

Insomma un vero caos che rischia, nel tentativo di conciliare gli opposti, di veder spese molte risorse senza una linea operativa seria e coerente e, a seguito di  un  prevedibile fallimento,  indebolire di molto domani la battaglia per una misura di autentica cittadinanza che nel panorama socio economico futuro sarà sempre più necessaria.

Legautonomie , infine non può che esprimere il proprio allarme per una misura che si vuole sociale ma che scavalca regioni e comuni depositari anche ai sensi del dettato costituzionale di questa materia e ribadire che solo riaffermando la centralità del comune si possono portare avanti politiche efficaci e circostanziate di contrasto alla povertà.

Di qui il nostro appello alla Conferenza delle Regioni e all'Anci per una azione comune a difesa delle proprie prerogative e affinché il parere degli enti territoriali sia ascoltato dal Governo e soprattutto dal Parlamento