TAGS PER ARGOMENTO

AGCM (2) Agcom (1) agenda digitale (1) agenda urbana (1) ALI/Municipia SpA (1) Alleanza contro la povertà (16) Ambiente (108) anac (4) ANCI (2) Anpr (1) Anticorruzione (14) antimafia (1) antiriciclaggio (3) Antitrust (1) Aran (4) ASviS (1) atac (1) Atti convegni (68) Attualità (109) autonomia (2) autonomie locali (4) Banda Ultra larga (179) bando periferie (1) Bergamo (1) Bes (2) bilanci (2) BUL (179) Camera dei deputati (5) Campania (1) casa (1) cdm (2) circoscrizioni (1) città metropolitane (2) clima (2) codice appalti (4) coesione (1) Comitato dei saggi (2) Comuni (16) conferenza statocittà (1) Conferenza Unificata (2) Conferimento cariche elettive (1) Congresso Legautonomie (2) Consiglio dei Ministri (31) Consiglio di Stato (13) contabilità armonizzata (1) Contratti pubblici (2) Controlli (3) Cooperazione internazionale (2) Corte Costituzionale (93) Corte dei Conti (68) Corte di Cassazione (17) Crescita Digitale in Comune (178) Criminalità (2) Cultura (26) Decentramento (10) DEF (1) DEF 2018 (2) Del Cimmuto (16) democrazia rappresentativa (1) derivati (3) DGUE (1) dignità amministratori (3) Di Maio (2) DL Sicurezza (2) Documenti di finanza pubblica (52) Dossier (42) economia (1) Elezioni Amministrative (6) elezioni politiche (1) elezioni regionali (1) EmiliaRomagna (1) energia (3) Enti Locali (18) enti territoriali (1) Europa (67) famiglie (1) Federalismo (201) Filippeschi (26) finanza pubblica (1) Finanza territoriale (786) finanziaria (1) Focus (35) Formazione (19) Forum PA (1) FSN (2) funzione pubblica (2) gioco d'azzardo (3) gioco d'azzardo/ludopatia (27) Giovanelli (1) giovani (1) GIT (1) Giustizia (57) Governare il territorio (3) Governo (4) Immigrazione (21) indennità (1) infiltrazioni mafiose (2) Infrastrutture (1) Innovazione digitale (7) inps (2) Interno (3) Istat (48) L'Associazione (81) Lavoro (32) Leganet (2) Legautonomie (93) Legge di Bilancio (2) Lucciarini (1) Macron (1) maltempo (1) marche (1) Marino Massaro (1) Matteo Ricci (31) MEF (2) Mezzogiorno (16) migranti (1) milleproroghe (4) Ministero economia e finanze (1) Minnucci (1) Misiani (1) MIT (2) NADEF (1) nord (1) nuovo codice appalti (3) Ordinamento Enti Locali (179) pa digitale (1) pareggio bilancio (1) Parlamento Europeo (1) Partecipate (2) patrimonio pubblico (1) PEG (1) pensioni (1) piani di riequilibrio finanziario (12) Piano Urbano Mobilità Sostenibile (1) Piccoli comuni (26) Pil (1) Pmi innovative (1) Politiche territoriali (185) polizia locale (1) Postdemocrazia (1) povertà (2) Privacy (2) Prodi (1) Province (11) Provincia Viterbo (1) pubblica ammnistrazione (7) pubblicità (1) Pubblico Impiego (8) pums (1) reddito (1) reddito di cittadinanza (2) reddito di inclusione sociale (2) reddito medio equivalente (1) Referendum (2) regioni (8) Rei (14) Riace (1) Ricerche (146) Riforma PA (228) Riforma Servizi pubblici (140) Riforme (1) Riforme Territoriali (1) Riscossione (1) Roma (1) sanità (3) scuola (2) Scuola/Università (23) Seminario (1) Servizi pubblici (3) Sicurezza urbana (44) sindaci (3) Siope (1) Sisma (4) smart city (3) smart road (1) Società partecipate (24) spesa pubblica (1) spid (1) Sprar (14) Startup (1) startup tunisia (4) Statocittà (1) Sviluppo economico/sociale (76) sviluppo sostenibile (1) TAR (4) trasparenza (1) Trentino Alto Adige (1) Tributi (4) Unione Europea (15) UPB (1) UPI (1) Welfare locale/sanità (185) XV Congresso nazionale Legautonomie (9)

19 Luglio 2019

Consumo di suolo, ALI: "Ottima notizia sentenza Consulta che dà ragione ai Comuni"

Non è la  prima volta che la Consulta si schiera a favore dei Comuni riconoscendo le loro prerogative e i loro poteri in tema di pianificazione del territorio, anche rispetto ai poteri delle Regioni o addirittura dello Stato. L’esercizio del potere di pianificazione non può essere inteso solo come un coordinamento delle potenzialità edificatorie connesse al diritto di proprietà, ma deve essere ricostruito come intervento degli enti sul proprio territorio, in funzione dello sviluppo complessivo ed armonico del medesimo, che tenga conto sia delle potenzialità edificatorie dei suoli, sia di valori ambientali e paesaggistici, sia di esigenze di tutela della salute e quindi della vita salubre degli abitanti. La sentenza della Consulta  n. 179 del 2019  è particolarmente rilevante, sia per l’aspetto che si riferisce alla  riduzione del consumo di suolo, sia per quanto attiene al rispetto dei poteri dei Comuni. Da anni è ormai evidente che il suolo è un bene comune, un bene pubblico primario che non può essere consumato senza limiti. Da anni è evidente che il buon uso del suolo, compresa la non edificazione, è condizione indispensabile per far fronte agli effetti dei cambiamenti climatici con tutte le calamità che comportano e che ormai ben conosciamo. Salvaguardando il suolo, utilizzandolo in modo intelligente per gli adattamenti e le mitigazione delle conseguenze dei cambiamenti del clima, si  salvaguarda la salute dei cittadini - in alcuni casi la loro vita - la salute degli esseri viventi e la biodiversità.

Purtroppo,  nonostante l’obiettivo dichiarato di ridurre il consumo di suolo, la legge regionale della Lombardia n.31/2014 impediva ai Comuni di variare le proprie previsioni urbanistiche, anche laddove la variazione fosse funzionale a sottrarre superfici dal rischio edificatorio.

Il Comune di Brescia, che con il suo PGT del 2016 aveva stabilito di ripristinare l’inedificabilità di un vasto territorio urbano nel quartiere di San Polo, ha visto il ricorso al Tar promosso dai privati che ottenevano una sentenza a loro favorevole. Ma il Comune, sostenuto da Anci e Legambiente Lombardia si è appellato al Consiglio di Stato il quale ha riconosciuto le ragioni dell’Amministrazione locale e ha sollevato la questione di costituzionalità della norma regionale, su cui si sarebbe dovuta pronunciare la Consulta.

La sentenza della Consulta è arrivata, favorevole al Comune di Brescia, e si colloca nell’alveo giusto delle decisioni che intervengono sul presente per garantire il futuro delle città, dei territori, dei cittadini.

La sentenza interviene anche sulla potestà pianificatoria  dei Comuni, prevista dalla Costituzione e dal Testo unico 267/2000. Non si vuol negare la necessità di una normativa nazionale e una normativa regionale entro le quali si collochino le decisioni dei Comuni. Capita a volte, però, come in questo caso, che manchi una legge nazionale di indirizzo, e che la legge regionale impedisca ai Comuni di decidere per il meglio dei loro territori.

Ben venga allora la sentenza della Consulta che prescrive un percorso giusto, in quanto  riporta la decisione in capo ai Comuni,  interviene sulle decisioni scorrette della Regione, e indica un percorso innovativo verso quella salvaguardia del suolo che è condizione primaria per affrontare i problemi presenti e futuri.

ALI- Autonomie Locali Italiane plaude alla decisione della Corte costituzionale e ribadisce l’urgente necessità che il Parlamento promuova e approvi una normativa che stabilisca in modo inequivocabile che il suolo non può continuare ad essere, in modo indiscriminato, sfruttato a fini edificatori. Occorrono pertanto norme che preservino il suolo non edificato e orientino tutti gli investimenti dei settori delle costruzioni e delle infrastrutture verso la rigenerazione delle città nei loro spazi già costruiti, in cui gli ambiti di degrado e abbandono sono cresciuti in modo incontrollato con gravi conseguenze ambientali, economiche e sociali.