TAGS PER ARGOMENTO

AGCM (2) Agcom (1) agenda digitale (1) agenda urbana (1) Alleanza contro la povertà (16) Ambiente (108) anac (2) ANCI (2) Anpr (1) Anticorruzione (14) antimafia (1) antiriciclaggio (3) Antitrust (1) Aran (4) atac (1) Atti convegni (68) Attualità (109) autonomia (1) autonomie locali (4) Banda Ultra larga (156) bando periferie (1) Bergamo (1) Bes (2) bilanci (2) BUL (156) Camera dei deputati (5) Campania (1) casa (1) cdm (2) circoscrizioni (1) città metropolitane (2) clima (2) codice appalti (4) coesione (1) Comitato dei saggi (2) Comuni (16) conferenza statocittà (1) Conferenza Unificata (2) Conferimento cariche elettive (1) Congresso Legautonomie (2) Consiglio dei Ministri (31) Consiglio di Stato (13) contabilità armonizzata (1) Contratti pubblici (2) Controlli (3) Cooperazione internazionale (2) Corte Costituzionale (93) Corte dei Conti (64) Corte di Cassazione (16) Crescita Digitale in Comune (155) Criminalità (2) Cultura (26) Decentramento (10) DEF (1) DEF 2018 (2) Del Cimmuto (16) democrazia rappresentativa (1) derivati (3) DGUE (1) dignità amministratori (3) Di Maio (2) DL Sicurezza (2) Documenti di finanza pubblica (52) Dossier (42) economia (1) Elezioni Amministrative (6) elezioni politiche (1) elezioni regionali (1) EmiliaRomagna (1) energia (3) Enti Locali (18) enti territoriali (1) Europa (67) famiglie (1) Federalismo (201) Filippeschi (26) finanza pubblica (1) Finanza territoriale (786) finanziaria (1) Focus (35) Formazione (19) Forum PA (1) FSN (2) funzione pubblica (1) gioco d'azzardo (3) gioco d'azzardo/ludopatia (27) Giovanelli (1) giovani (1) GIT (1) Giustizia (57) Governare il territorio (2) Governo (4) Immigrazione (21) indennità (1) infiltrazioni mafiose (2) Infrastrutture (1) Innovazione digitale (7) inps (2) Interno (3) Istat (47) L'Associazione (80) Lavoro (32) Leganet (2) Legautonomie (93) Legge di Bilancio (2) Lucciarini (1) Macron (1) maltempo (1) Marino Massaro (1) Matteo Ricci (20) MEF (2) Mezzogiorno (16) migranti (1) milleproroghe (4) Ministero economia e finanze (1) Minnucci (1) Misiani (1) MIT (2) NADEF (1) nord (1) nuovo codice appalti (3) Ordinamento Enti Locali (179) pa digitale (1) pareggio bilancio (1) Parlamento Europeo (1) Partecipate (2) patrimonio pubblico (1) PEG (1) pensioni (1) piani di riequilibrio finanziario (12) Piano Urbano Mobilità Sostenibile (1) Piccoli comuni (26) Pil (1) Pmi innovative (1) Politiche territoriali (185) polizia locale (1) Postdemocrazia (1) povertà (2) Privacy (2) Prodi (1) Province (11) Provincia Viterbo (1) pubblica ammnistrazione (6) pubblicità (1) Pubblico Impiego (8) pums (1) reddito (1) reddito di cittadinanza (2) reddito di inclusione sociale (2) reddito medio equivalente (1) Referendum (2) regioni (8) Rei (14) Riace (1) Ricerche (146) Riforma PA (228) Riforma Servizi pubblici (140) Riforme (1) Riforme Territoriali (1) Riscossione (1) Roma (1) sanità (3) scuola (2) Scuola/Università (23) Seminario (1) Servizi pubblici (3) Sicurezza urbana (44) sindaci (3) Siope (1) Sisma (4) smart city (3) smart road (1) Società partecipate (24) spesa pubblica (1) spid (1) Sprar (14) Startup (1) startup tunisia (4) Statocittà (1) Sviluppo economico/sociale (76) TAR (4) trasparenza (1) Trentino Alto Adige (1) Tributi (4) Unione Europea (15) UPB (1) UPI (1) Welfare locale/sanità (185) XV Congresso nazionale Legautonomie (9)

Documenti

Curato da Agid, il portale mette a disposizione linee guida e kit grafici per supportare gli uffici stampa e i social media manager delle amministrazioni nella promozione dei servizi innovativi.
In relazione alle notizie di stampa diffuse nelle ultime ore relative a presunti tagli dei fondi per la Strategia Banda Ultra Larga (Strategia BUL) si precisa che il MiSE ha stabilito una rimodulazione finanziaria dell’Asse II del Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività FESR 2014-2020 relativo all’implementazione della Strategia BUL al solo fine di non perdere 177 milioni di euro di finanziamenti europei. L’importo destinato originariamente era di 233 milioni di euro e di questi risultavano impegnati solo 56 milioni necessari per le aree bianche.
Venerdì 12 ottobre, alle ore 9.30, a Milano è in programma il convegno “SOCIETA’ A PARTECIPAZIONE PUBBLICA A CHE PUNTO SIAMO” sul Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica.
Ecco l’elenco delle province chiamate alle urne e il crono programma in vista del 31 ottobre.
L'Associazione "Amici di Marco Biagi", in collaborazione con FPA, ha elaborato il "Rapporto sulle Pubbliche Amministrazioni in Italia" che verrà presentato presso il Complesso di Vicolo Valdina, Sala del Cenacolo – Piazza Campo Marzio, 42 il prossimo 2 ottobre.
È stato pubblicato l’elenco dei soggetti, identificati con un codice seriale, che hanno ottenuto il credito di imposta a seguito delle erogazioni liberali in denaro effettuate per interventi di restauro o ristrutturazione degli impianti sportivi pubblici come previsto dalla legge 205/2017.
L’indagine realizzata su 1804 comuni: 71.450 immobili colpiti da ordinanze di demolizione, più dell’80% però non ancora eseguite. Soltanto il 3% degli immobili acquisiti al patrimonio comunale.
Il decreto legge milleproroghe è stato approvato al Senato con 151 voti favorevoli, 93 contrari e due astenuti. Il provvedimento, convertito dal Senato dopo il passaggio alla Camera, ha ottenuto l'ok definitivo.
Le Regioni hanno espresso un parere favorevole sulle linee guida per l'attuazione, la rendicontazione, il monitoraggio e il controllo dell'intervento pubblico per lo sviluppo della banda ultralarga nelle aree bianche (le aree a fallimento di mercato).
La Ctp di Udine, con sentenza n. 207/1/2018 (presidente Drigani, relatore Fabbro), ha ritenuto assoggettabile a Imu una casa di riposo posseduta da un’ azienda pubblica per i servizi alla persona (Asp). Si tratta di una delle prime pronunce che analizza i requisiti necessari l’esenzione Imu. La sentenza merita particolare attenzione perché la decisione è stata presa sulla base della decisone della Commissione Ue del 19 dicembre 2012. 
E’ stato pubblicato sul portale dedicato al Piano strategico Banda Ultra Larga l’elenco che fa il punto sullo stato dell’arte del progetto BUL al 15 settembre 2018. Per ciascun comune viene individuata la fase di appartenenza, lo stato delle attività, e l’eventuale firma della convenzione con Infratel che è condizione necessaria per l’avvio della progettazione esecutiva.
Giovedì 27 settembre, l’Alleanza contro la povertà in Italia, ha organizzato una giornata per affrontare il tema legato alle politiche contro lo stato di povertà nel nostro Paese.
Il prossimo 13 ottobre in moltissime città europee si scenderà in piazza per manifestare “Contro il nazionalismo per un’Europa unita”. Legautonomie dà la propria adesione e il suo  sostegno a questa importante iniziativa per la costruzione di un’Europa più unita e democratica. Tutte le informazioni relative a questa importante iniziativa sono presenti sul sito www.13-10.org. In allegato il testo dell’Appello, contro i nazionalismi e per un’Europa più forte, e le modalità per partecipare e aderire.
La legge di bilancio 2017 ha previsto che tutte le amministrazioni pubbliche siano tenute a ordinare incassi e pagamenti al proprio tesoriere o cassiere utilizzando esclusivamente ordinativi informatici trasmessi attraverso l’infrastruttura SIOPE+. L’integrazione di tali dati con quelli in possesso dalla Piattaforma dei Crediti Commerciali (PCC) permetterà di monitorare i tempi di pagamento delle fatture e, quindi, di rispondere all’infrazione avviata dalla Commissione Europea contro l’Italia per il ritardo dei tempi di pagamento dei debiti commerciali della PA. Il SIOPE+ contribuirà all’adozione di regole univoche nei pagamenti pubblici: l’armonizzazione degli standard di colloquio tra enti e tesorieri, che si attuerà con il nuovo Ordinativo di Pagamento e Incasso (OPI), definito dall’Agenzia per l’Italia Digitale, rappresenta un ulteriore fattore di innovazione dei pagamenti pubblici.
Secondo un recente rapporto dell’Istat, nel 2017 in Italia è cresciuta al 69,5% la quota di famiglie che accedono a internet tramite banda larga e così anche la percentuale di imprese con almeno 10 addetti che si connettono in banda larga mobile (70,9%). In Piemonte, tuttavia, nel 2017 quasi una famiglia su tre non ha avuto a disposizione un accesso a internet da casa (29,7%), un dato superiore alla media nazionale (28,1%) e alle principali regioni del Nord: ad esempio in Lombardia è del 24,3%, in Veneto del 26,4% e in Emilia Romagna del 26,2%. Inoltre, il 3,6% non ha alcuna connessione proprio perché nella propria zona non c’è banda larga. Si tratta soprattutto di vallate e aree collinari dove per gli operatori privati l’investimento è poco remunerativo. Per questo la Regione Piemonte ha attivato il piano per la banda ultra larga, mettendo a disposizione 284 milioni di euro per portare la fibra nelle periferie e nei piccoli centri, cui si dovranno affiancare altri 200 milioni di investimenti privati.
Sono state pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale del 2 agosto 2018 n. 178, le linee guida n. 11 approvate con la delibera Anac n. 614/2018 che, nel delineare la portata e la sfera di applicazione dell'obbligo di esternalizzazione previsto dall'articolo 177 del Dlgs 50/2016 (il codice dei contratti) in capo ai concessionari di lavori, servizi pubblici o forniture, esonera dall’obbligo gli organismi in house. In presenza dunque di concessioni preesistenti all'entrata in vigore del codice che non siano state affidate con project financing o con procedure di gara a evidenza pubblica, i titolari sono obbligati ad affidare una quota pari all'80 per cento dei contratti di lavori, servizi e forniture relativi alle concessioni di importo pari o superiore a 150mila euro mediante gara pubblica, introducendo clausole sociali per la stabilità del personale impiegato e per la salvaguardia delle professionalità. 
Più tempo ai piccoli Comuni per adeguarsi a Siope+. Almeno fino al nuovo anno. È la proposta di Anutel che, in una lettera al ministro Giovanni Tria e al ragioniere dello Stato Daniele Franco, ha chiesto la proroga al 1° gennaio 2019 per organizzare il passaggio al nuovo sistema di svolgere e, nel frattempo, per le opportune sperimentazioni. 
Sentenza del Tribunale Roma - XVI sezione - 20276/2018. E’ Illegittimo lo statuto della società in house che limita i poteri del cda alla gestione ordinaria.  Con riferimento agli statuti delle società in house, la facoltà prevista dall'articolo 16, comma 2, del dlgs 175/2016 (testo unico sulle società partecipate) di introdurre deroghe all'articolo 2380 bis del codice civile in ordine all'autonomia del consiglio di amministrazione non può spingersi fino a limitare i poteri di gestione di questo alla sola amministrazione ordinaria. Questo interessante principio affermato dal Tribunale di Roma - sezione «imprese» - con la sentenza n. 20276/2018 è decisamente innovativo nel panorama della giurisprudenza sulle società.
Parte il cablaggio di tre comuni dell'Isola: Lacco Ameno, Forio e Casamicciola. A darne notizia è stata l’assessore all’Innovazione della Regione Campania, Valeria Fascione, insieme ai tre primi cittadini dei tre comuni isolani e ai rappresentanti di Open Fiber, società aggiudicatrice delle prime due gare pubbliche per il cablaggio delle ‘aree a fallimento di mercato’ in 16 regioni italiane.
I servizi di connettività a banda ultra larga sono dall’11 settembre disponibili nel comune di Treviso: cittadini e imprese potranno dunque beneficiare di una connessione in grado di raggiungere 1 Gigabit al secondo. 
Proseguono i lavori di realizzazione del Piano Banda ultralarga regionale dell’Emilia Romagna: raggiunto il 75% delle unità immobiliari, dato simile a quello della Toscana, contro il 72% della Lombardia, il 70% del Lazio, il 68% del Veneto, il 55% del Piemonte, solo per citare alcune regioni tra le più attive nel processo di infrastrutturazione del territorio. Per verificare il livello di copertura del territorio e dei singoli Comuni, comunque, basta dare un’occhiata alla mappafornita dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) e accessibile sul sito ufficiale del Piano nazionale Banda ultralarga.
Casciano (Presidente Legautonomie): “Auspichiamo che si comprenda appieno la portata di questo provvedimento che causerebbe moltissimi problemi sia sotto l’aspetto legale  sia per le implicazioni sociali”
Un Amazon del Made in Italy che faciliti la vendita dei prodotti italiani e combatta, allo stesso tempo, la contraffazione. È la proposta che arriva dal ministro del Lavoro e Sviluppo economico, Luigi Di Maio, in occasione della riunione odierna della Cabina di Regia per l’Italia internazionale. "È di vitale importanza per lo sviluppo economico del nostro Paese investire in innovazione e tecnologia", ha sottolineato il ministro. "È tempo che l’Italia disponga di un portale di e-commerce multilingua, una sorta di Amazon del Made in Italy, che faciliti la vendita dei prodotti italiani e combatta, allo stesso tempo, la contraffazione".
“I Comuni Italiani dopo la grande crisi finanziaria: il cantiere meridionale”: è questo il titolo dell’appuntamento organizzato dalla Scuola Nazionale dell’Amministrazione in collaborazione con l’Università e la Fondazione Cà Foscari di Venezia. 
Infrastrutture fisiche, competenze digitali e acquisizione di servizi innovativi. E’ questa la linea seguita dalla regione Campania in merito alla questione dello sviluppo digitale che rientra nell’asse del POR-Fesr 2014-2020 (Programma Operativo Regionale del Fondo Europeo dello Sviluppo Regionale).
E’ stato sottoscritto dal commissario straordinario per la ricostruzione in Centro Italia, Paola De Micheli, e dal direttore generale dell’Abi, Giovanni Sabatini, l’accordo per la concessione di anticipi bancari alle imprese edili e ai professionisti impegnati nella ricostruzione edilizia nel cratere del terremoto del 2016 e 2017.
Il nuovo strumento, a disposizione delle amministrazioni locali, è on line. È utile a conoscere in tempo reale l’offerta di beni, servizi, lavori disponibile e poter così programmare più efficacemente i propri acquisti.
La Regione Toscana ha scelto di avviare un percorso partecipato, #ToscanaDigitale, per dotarsi di una Agenda Digitale che delinei lo sviluppo delle tecnologie, dell’innovazione e dell’economia digitale.  Il percorso, nel quadro dell’Agenda Digitale Europea e del paese, ha l’obiettivo di disegnare la strategia per supportare il digitale come leva di inclusione e crescita sociale ed economica. Con eventi tematici, workshop collaborativi e questo spazio digitale, tutte e tutti, cittadini, imprenditori, professionisti, potranno partecipare condividendo informazioni che andranno a determinare gli obiettivi dell’Agenda Digitale, evidenziando criticità, bisogni e azioni. A seguito del  processo di ascolto e partecipazione, verrà pubblicata l’Agenda Digitale della Regione Toscana.
"La sospensione dei fondi per la riqualificazione delle periferie e di altre aree sensibili in 96 città italiane è una scelta fatta a danno delle città e delle comunità che lede patti sottoscritti e azzera tanto lavoro già compiuto. In vista dell'imminente voto alla Camera del Milleproroghe che contiene lo stop al bando periferie, Legautonomie chiede con forza ai deputati, e al governo, di correggere il testo già approvato dal Senato e di liberare le risorse già approvate e impegnate". Così in una nota il presidente di Legautonomie Marco Filippeschi.
Il tema del riconoscimento di maggiori forme di autonomia alle Regioni a statuto ordinario, ai sensi dell'articolo 116, terzo comma, della Costituzione, si è imposto al centro del dibattito sul rapporto tra Stato e Regioni dopo l'esito non confermativo del referendum sulla riforma costituzionale nel 2016 e a seguito delle iniziative intraprese dalle Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, che nel febbraio 2018 hanno sottoscritto un accordo preliminare con il Governo per l'attuazione di condizioni speciali di autonomia. 
Pagina 8 di 207