Il congedo straordinario per assistere una persona in disabilità grave deve essere concesso anche al figlio non convivente dell’interessato, se mancano gli altri familiari legittimati dalla legge a beneficiare del periodo di astensione dal lavoro. In questo caso, però, il figlio dopo aver ottenuto il congedo deve convivere con il genitore. Con la sentenza n. 232/2018 depositata venerdì, la Corte costituzionale ha stabilito l’illegittimità parziale dell’articolo 42, comma 5, del decreto legislativo 151/2001 che individua i familiari a cui può essere concesso il congedo.
Ancora al centro del dibattito politico il ritorno all'elezione diretta degli organi provinciali e alla corresponsione di un'indennità, laddove, ora, lo svolgimento degli incarichi è esclusivamente a titolo gratuito. Se il referendum targato Renzi del 4 dicembre 2016 è naufragato e la disciplina costituzionale degli enti provinciali è rimasta invariata, il passaggio successivo non può che essere quello di intervenire sulla riforma n. 56/14 che li ha trasformati in enti di mero raccordo e coordinamento, nelle more di una successiva.
La Corte costituzionale non lascia spazio alle Regioni per individuare caratteristiche degli stabilimenti balneari che possano interferire con l’ormai imminente liberalizzazione delle concessioni. Da anni tutte le Regioni cercano di differenziare le imprese turistico - balneari titolari di concessioni, prevedendo specifiche agevolazioni, riconoscimenti, punteggi che possano in qualche modo facilitarne la competitività nell’apertura al mercato europeo (direttiva Bolkestein). 
La Regione Veneto non può obbligare le prefetture e tutti gli altri uffici pubblici a esporre la bandiera regionale, nemmeno se affiancata a quella nazionale. La Corte costituzionale, con la sentenza n. 183/2018 depositata ieri, ha bocciato la norma regionale che impone l'obbligo, peraltro sanzionato, di esposizione del vessillo “locale” all'esterno degli edifici adibiti a sede di organi e uffici statali e di enti e organismi pubblici nazionali, nonché sulle imbarcazioni di proprietà di questi ultimi.
Il Tribunale amministrativo regionale per la Campania ha sollevato questioni di legittimità costituzionale dell’art. 15, commi 3 e 4, della legge della Regione Campania 5 aprile 2016, n. 6 (Prime misure per la razionalizzazione della spesa e il rilancio dell’economia campana.
Pagina 1 di 9