Il documento che alleghiamo è stato presentato il 13 aprile 2011 dal Comitato Nazionale delle Circoscrizioni nel corso dell'audizione presso la Commissione Affari Costituzionali della Camera dei deputati sulla Risoluzione 7-00506 Bressa (decentramento amministrativo comunale). Come ulteriore contributo uniamo, inoltre, un "atto di indirizzo" approvato all'unanimità il 29 marzo 2011 dall'Assemblea legislativa della Regione Emilia Romagna, volta a sostenere le richieste del Comitato nazionale delle circoscrizioni e ad assumere posizioni di difesa del decentramento amministrativo comunale quale spazio di democrazia e buone pratiche.
Nell'ambito dell'esame della risoluzione 7-00506 Bressa sul decentramento amministrativo comunale Legautonomie audita in Commissione Affari Costituzionali della Camera dei deputati. All'incontro, svoltosi il 13 aprile, hanno preso parte in rappresentanza dell'Associazione il direttore Loreto Del Cimmuto e l'assessore al Comune di Pisa al decentramento e partecipazione, David Gay, il quale è intervenuto illustrando i contenuti del documento depositato da Legautonomie, che di seguito alleghiamo.
In vista della conclusione dell’esperienza dei Consigli di Circoscrizione come previsto dalla Finanziaria, il Comune di Carrara ha svolto un interessante convegno per discutere assieme il futuro delle Circoscrizioni, promuovendo la partecipazione dei cittadini, di cui in allegato pubblichiamo gli Atti. Tra le motivazioni del convegno - svoltosi lo scorso 26 febbraio - si legge la volontà degli organizzatori di voler creare un momento di incontro per fare un bilancio sull'esperienza della Circoscrizioni e offrire un'opportunità di confronto a disposizione di tutti, anche dei Comitati.
Nel 2009 il Comune di Arezzo ha avviato un processo partecipativo finalizzato a tratteggiare un nuovo assetto del decentramento. Come noto, l'attuale assetto normativo impedisce ai Comuni delle dimensioni demografiche di Arezzo (popolazione inferiore a 250.000) di istituire i Consigli di Circoscrizione così come li abbiamo conosciuti negli oltre 30 anni di esperienza. Il processo si è recentemente concluso con l'approvazione in Consiglio comunale dei "Criteri generali per l'attuazione del nuovo decentramento partecipato" (deliberazione n. 47 del 28.3.2011). In allegato il testo approvato.
L'Indagine è stata realizzata su un campione di 70 comuni con popolazione compresa tra 30.000 e i 250.000 abitanti, per tracciare un primo bilancio delle misure introdotte dalla Finanziaria 2008 e di valutare le caratteristiche principali delle nuove politiche di decentramento
Alleghiamo il documento di Legautonomie votato all'unanimità dai partecipanti al convegno dedicato al decentramento e alle partecipazione (Pesaro 20 marzo 2009). L’appuntamento di Pesaro, che Legautonomie ha promosso con il Comune di Pesaro, si è rivolto agli amministratori dei comuni, ai rappresentanti delle circoscrizioni e delle altre forme di decentramento e partecipazione, e ha inteso offrire un momento di confronto e di socializzazione delle esperienze già realizzate, e di quelle che proprio in questi mesi le amministrazioni comunali stanno ponendo in essere, intervenendo sugli statuti e sui regolamenti comunali. Nel corso dei lavori del convegno sono stati presentati i risultati di una indagine sulle forme di decentramento e di partecipazione realizzate dai comuni relativa ad un campione rappresentativo di comuni tra i 30.000 e i 100.000.
Si sono riuniti a Forlì i rappresentanti dei comuni interessati dalla soppressione delle Circoscrizioni in un tavolo di lavoro per discutere sul tema del "decentramento amministrativo comunale" e per la costituzione di un Coordinamento nazionale composto dai presidenti delle circoscrizioni e dagli assessori al decentramento. Pubblichiamo, in allegato, il documento unitario approvato a conclusione dei lavori.
Con le elezioni amministrative del 6 e 7 giugno entrerà in vigore, per i comuni tra i 30.000 e i 100.000 abitanti che andranno al rinnovo degli organi amministrativi, quanto disposto dalla legge 244 del 2007 (legge finanziaria per il 2008), che sopprime per questi enti la facoltà di istituire le circoscrizioni. Il documento che pubblichiamo è stato votato all'unanimità dai partecipanti all’appuntamento organizzato da Legautonomie il 20 marzo 2009 a Pesaro. Il convegno è stato un momento di confronto e di socializzazione delle esperienze già realizzate e di quelle in corso di realizzazione dalle amministrazioni comunali, intervenendo sugli statuti e sui regolamenti comunali.
Il confronto in sede di Commissione Affari Costituzionali della Camera sul ddl 3118 (Carta delle autonomie) è stato avviato martedì 20 aprile con l’audizione delle associazioni delle autonomie locali. All’incontro hanno preso parte, in rappresentanza di Legautonomie, Ilaria Bugetti, sindaco di Cantagallo (Po) e il Direttore Loreto Del Cimmuto. In allegato il documento presentato da Legautonomie.
"Un cordiale saluto, innanzitutto, ai Partecipanti a questo interessante Convegno, e un sentito ringraziamento a Legautonomie per aver consentito di esporre, in una sede tanto importante, al Comitato Nazionale delle Circoscrizioni, in rappresentanza del quale mi accingo a fare il presente intervento, le ragioni per le quali lo stesso è nato, nonché gli obiettivi che il Comitato intende perseguire con la propria azione..."