Il 22 dicembre la Camera ha dato il via libera definitivo al ddl di bilancio di previsione 2015 e al ddl di stabilità 2015 (approvato con 307 voti favorevoli, 116 contrari e 2 astenuti).
La Commissione bilancio della Camera ha avviato l’esame della Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza 2014 (Doc. LVII, n. 2-bis), con la relazione di Misiani (PD). Al Senato, la Commissione bilancio avvierà l’iter dopo aver svolto congiuntamente con l’omologa della Camera, alcune audizioni
La Commissione bilancio del Senato ha concluso l’esame dei ddl "Rendiconto generale dell'Amministrazione dello Stato per l'esercizio finanziario 2013" (ddl 2541) e "Disposizioni per l'assestamento del bilancio dello Stato e dei bilanci delle Amministrazioni autonome per l'anno finanziario 2014" (ddl 2542), già approvati dalla Camera. L’esame dei provvedimenti presso l’Aula – previsto per oggi – slitta alla prossima settimana, per consentire al Parlamento l'elezione di due giudici della Corte Costituzionale (tredicesimo scrutinio) e l'elezione di due componenti il Consiglio superiore della magistratura (decimo scrutinio).
Secondo quanto disposto dalla L. 243/2012 all’art. 6, il Governo ha sentito la Commissione europea in merito allo scostamento dall’obiettivo programmatico di finanza pubblica previsto dal Documento di Economia e Finanza 2014. Il Ministro dell’Economia e delle Finanze ha comunicato alla Commissione europea che il Programma di Stabilità incluso nel Documento di Economia e Finanza 2014 contempla uno scostamento dall’obiettivo di medio periodo della finanza pubblica. Il Vice-presidente Siim Kallas, che svolge le funzioni di Commissario agli affari economici e monetari, ha già risposto alla comunicazione del ministro Padoan. Entrambe le comunicazioni sono state trasmesse dal ministro Padoan ai presidenti delle commissioni Bilancio delle Camere e per conoscenza ai presidenti delle stesse. Le comunicazioni possono essere consultate sul sito del Ministero dell’Economia e delle Finanze.
Nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta ufficiale n. 302 del 27 dicembre 2013 sono state pubblicate la Legge 27 dicembre 2013, n. 147 "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato" (Legge di stabilita' 2014) e la Legge 27 dicembre 2013, n. 148 "Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2014 e bilancio pluriennale per il triennio 2014-2016" In allegato il link per scaricare i due provvedimenti.
Oggi in Senato il probabile via libera definitivo alla legge di stabilità 2014, dopo l’approvazione in seconda lettura, con modifiche, alla Camera dei deputati di venerdì scorso. Alle 12 l’aula di palazzo Madama è convocata per esprimersi ancora una volta sulla finanziaria 2014-2016, dopo l’approvazione lampo dello scorso 27 novembre. Come nelle due letture parlamentari precedenti, il Governo ha deciso di porre la fiducia anche alla terza e con ogni probabilità ultima votazione sulla manovra.
La Commissione bilancio della Camera ha avviato l’esame della Nota di aggiornamento del documento di economia e finanza 2013 e connessi allegati. Il relatore Antonio Misiani ha ricordato che, come previsto dalla normativa, la Nota di aggiornamento reca l'indicazione dei disegni di legge che, a completamento della manovra di bilancio 2014-2016, il Governo considera collegati alla decisione di bilancio. Si tratta, in particolare, di provvedimenti che dovrebbero avere ad oggetto le seguenti materie: lavoro ed equità sociale, giustizia civile, green economy e lotta agli sprechi ambientali, sviluppo e semplificazioni, Enti locali e interventi per il rilancio del settore agricolo e agroalimentare.
Camera e Senato hanno approvato le risoluzioni di maggioranza al Documento di economia e finanza, DEF. I testi impegnano il Governo ad "assumere tutte le iniziative per favorire una positiva conclusione della procedura di disavanzo eccessivo" e, soprattutto, a "riconsiderare in tempi brevi il quadro di finanza pubblica nel rispetto degli impegni europei per quanto riguarda i saldi di bilancio 2013-2014". Il ministero dell'Economia vuole presentare in tempi brevi una Nota di aggiornamento al Def con la modifica di saldi e coperture alla luce delle misure che saranno varate nelle prossime settimane. La Nota conterrà anche un paragrafo integrativo del PNR, il Programma nazionale di riforma.
Camera e Senato hanno approvato, in Assemblea, una risoluzione sulla Relazione al Parlamento 2013 concernente l'aggiornamento del quadro economico e di finanza pubblica e il pagamento dei debiti alle imprese da parte della Pubblica amministrazione (Doc. LVII-bis1), dopo che le Commissioni speciali avevano dato mandato ai rispettivi relatori di riferire favorevolmente sul Documento. Presso le Commissioni congiunte si sono svolte le audizioni di: Banca d’Italia, ISTAT, Ministro dell'economia e delle finanze Vittorio Grilli.
Pagina 4 di 6