Pubblichiamo il documento approvato dalla Commissione Parlamentare di vigilanza sull’Anagrafe tributaria, approvato il 20 dicembre 2012 a conclusione dell'indagine conoscitiva iniziata il 17 dicembre 2008, relativo al sistema delle banche dati - potenzialità e criticità - nel contrasto all’evasione fiscale.
Il governo ha ottenuto la fiducia alla Camera sul decreto sui costi della politica locale. La votazione ha visto l'astensione del Pdl per marcare l'insoddisfazione per la politica del governo dopo che un segnale analogo era stato dato stamani al Senato con la mancata partecipazione al voto sul decreto sviluppo. Hanno votato a favore del provvedimento 281 deputati, contrari in 77 e 140 astenuti.
In Commissione affari costituzionali del Senato si è conclusa l'illustrazione e la discussione degli emendamenti sul disegno di legge costituzionale di iniziativa governativa per la riforma della Costituzione.
Pubblichiamo il resoconto stenografico della Commissione parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale che ha audito il 3 ottobre 2012 il Comitato di rappresentanti delle autonomie territoriali di cui all'articolo 3, comma 4, della legge n. 42 del 2009, sulla determinazione dei costi e fabbisogni standard e sulle misure di revisione della spesa relative alle autonomie territoriali. La Commissione presieduta da Enrico La Loggia ospiterà mercoledì 24 ottobre, alle ore 14 a Palazzo San Macuto, l'audizione del ministro per la Pubblica amministrazione e la Semplificazione, Filippo Patroni Griffi, in merito alle misure del governo inerenti le Regioni e gli Enti locali.
La Corte Costituzionale, riuniti i ricorsi nei giudizi di legittimità costituzionale dell'art. 16 recante disposizioni in materia di riduzione dei costi relativi alla rappresentanza politica nei comuni e razionalizzazione dell'esercizio delle funzioni comunali del decreto-legge 13 agosto 2011, n. 138 (Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo), convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148, promossi dalle Regioni Toscana, Lazio, Puglia, Emilia-Romagna, Veneto, Liguria, Umbria, Campania, Lombardia e della Regione autonoma della Sardegna, ordina il rinvio dei relativi giudizi a nuovo ruolo, avuto riguardo alle notevoli modifiche normative introdotte dal decreto-legge 95/2012 conv. in legge 148/2012.
Pubblichiamo in allegato la bozza di Dpcm per il calcolo dei fabbisogni standard di comuni e province che è stata esaminata dal preconsiglio dei Ministri il 24 settembre 2012.
“Il presidente Napolitano ha ogni ragione a richiamare di nuovo il Parlamento sull’eccesso della decretazione d’urgenza. Ma per uscire dal tunnel serve approvare vere riforme e il suo appello è da troppo tempo inascoltato. Cambiare il Parlamento è necessario e il ritardo è gravissimo e ormai doloso. Perché il bicameralismo ripetitivo è una palla al piede del Paese, è uno spreco di risorse e di tempo, un pesante costo della politica e perché ciò crea continui strappi verso la Costituzione. E’ un sistema che non funziona e che genera incertezza e crisi di legittimazione. Per questo ripetiamo la nostra richiesta: una sola Camera che fa le leggi e dà la fiducia ai governi, metà parlamentari eletti e un Senato delle autonomie fatto da chi già rappresenta le comunità locali”. Lo dichiara il presidente nazionale di Legautonomie Marco Filippeschi, sindaco di Pisa, che commenta così le dichiarazioni del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.
Pubblichiamo un documento del costituzionalista Daniele Trabucco, dell'Università degli Studi di Padova, dal titolo "E' possibile derogare all'art. 133, comma 1, della Costituzione in caso di riordino complessivo delle Province"
Pagina 16 di 21