Le entrate tributarie e contributive nei primi nove mesi di quest’anno indicano un incremento del 2,1% (+ 10.315 milioni di euro) rispetto allo stesso arco temporale del 2017. A metterlo in evidenza è il Report sull’andamento delle entrate tributarie e contributive riferito al periodo gennaio-settembre 2018, redatto dal Dipartimento delle Finanze e dal Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato.Il dato tiene conto dell’aumento dell’1,3% (+ 4.126 milioni di euro) delle entrate tributarie e della crescita delle entrate contributive del 3,8% (+ 6.189 milioni di euro). L’importo delle entrate tributarie comprende anche i principali tributi degli enti territoriali e le poste correttive, quindi integra il dato già diffuso con la nota del 5 novembre scorso.
l Ministero dell’Economia è ricorso a un prestito della Banca europea per gli investimenti e ha siglato a Roma, la scorsa settimana, il contratto quadro di finanziamento che consentirà la disponibilità dei fondi. Le risorse saranno erogate in relazione all’esecuzione degli interventi indicati nel contratto di progetto, stipulato dal commissario straordinario per il sisma 2016, Paola De Micheli, con il vicepresidente della Bei. Nella stessa occasione il Mef e la Banca europea per gli investimenti è stata firmata, altresì, la seconda tranche di 167 milioni di euro, su un prestito complessivo di 300, per il finanziamento del piano triennale dell’Anas di ammodernamento e messa in sicurezza della rete stradale italiana, risorse che in buona parte riguarderanno interventi localizzati nel Mezzogiorno e nelle Isole.