Alleghiamo i contenuti del "Piano di semplificazione amministrativa" che il Ministero per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione ha illustrato in CdM lo scorso 7 ottobre.
Un contributo di Domenico Barillà, elaborato per il seminario su: "Il controllo strategico negli enti locali e nella pubblica amministrazione", organizzato dalla Fondazione Reset
Più servizi online, informazioni più chiare, semplificazione delle pratiche amministrative per le imprese: queste in sintesi le richieste, e le critiche, che i cittadini italiani rivolgono alla Pubblica amministrazione, centrale e locale, così come riporta il Primo Rapporto "Burocrazia: diamoci un taglio".
Sul sito del Ministero per la pubblica amministrazione e l’innovazione è disponibile il Rapporto analitico sulla ventinovesima settimana di attività del 2010 (dal 17 al 23 luglio) di "Linea Amica". "Linea Amica" - che si pone l'obiettivo di una Pubblica Amministrazione gentile, trasparente e valutabile - raccoglie finora 975 URP o centri di risposta al cliente. Realizzato con la collaborazione di Formez PA, questo servizio si avvale in particolare della partecipazione di INPS, INAIL, INPDAP, Agenzia delle Entrate, Comune di Roma, Comune di Milano, Centri di Prenotazione Sanitaria del Lazio e dell'Emilia Romagna nonché della piena cooperazione di vari Ministeri, Regioni ed Enti locali. Nella settimana trascorsa è stata attivata la collaborazione, fra gli altri, con il Comune di Santa Marinella e con il Comune di Tarquinia. Nella sezione "Network" del portale è consultabile una mappa dell'Italia con i recapiti delle amministrazioni che collaborano con il network. Nella settimana dal 17 al 23 luglio il network ha raggiunto 1.484.800 contatti, inclusi risponditori automatici. I contatti assistiti da operatori sono stati 978.800, così distribuiti: 104.000 presso Ministeri (10,6%), 265.000 presso Enti previdenziali (27,1%), 43.000 presso Agenzia delle entrate ed enti fiscali (4,4%), 65.500 presso altri enti pubblici, tra cui il centro di contatto sul Bonus Elettrico e il contact center di Linea Amica (6,7%), 6.300 presso Scuola e Università (0,6%), 258.000 presso Regioni e strutture sanitarie (26,4%), 237.000 presso Comuni, Province e strutture locali (24,2%).
Sono poco trasparenti tre uffici pubblici su quattro. Nel 74% dei casi la carenza di trasparenza ricade nell’ambito degli uffici pubblici, nel 26% riguarda invece l’area dei servizi pubblici. Questi tra i principali dati che emergono dal “I° Rapporto sulla Trasparenza nelle amministrazioni pubbliche”, promosso da Cittadinanzattiva e Dipartimento della Funzione Pubblica, in collaborazione con Servizio Anticorruzione e Trasparenza.
La Commissione per la valutazione, la trasparenza e l'integrità delle amministrazioni pubbliche ha approvato le "Linee guida per la definizione degli standard di qualità. Le delibere approvate sono un primo passo verso la costruzione di un sistema di controllo diffuso della qualità dell’azione amministrativa.
Il Ministero per la Pubblica Amministrazione e l'innovazione ha aggiornato il pacchetto di azioni strategiche nel settore dell'innovazione. I tre documenti, che pubblichiamo in allegato, completano e ammodernano il portafoglio di politiche per l'innovazione attraverso un'importante opera di semplificazione legislativa, normativa e amministrativa, il coordinamento tra le politiche dell'innovazione in capo ai diversi ministeri e il supporto alle politiche di innovazione della singole regioni.
Documento della Conferenza delle Regioni sul ddl S.2243 (semplificazione dei rapporti della Pubblica Amministrazione con cittadini e imprese)
L'iter legislativo del provvedimento predisposto dal governo "Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell'illegalità nella P.A. (AS 2156) e delle proposte di legge di iniziativa parlamentare nel frattempo depositate (2164) (2168) (2174) è stato avviato avviato in Senato martedì 11 maggio. Legautonomie, nel rinviare ad altra sede una valutazione delle misure anticorruzione all’esame parlamentare che si spera appropriate ed efficaci nel contrastare i fenomeni di corruzione e di illegalità che colpiscono così gravemente il nostro Paese, non può non rilevare criticamente la necessità di mettere ordine all’iniziativa parlamentare.
Pagina 22 di 23