Sul nuovo numero di "Autonomie e Comunità" di marzo/aprile Fabrizio Pezzani, professore alla Bocconi di Milano, parla del suo libro intitolato: 'La competizione collaborativa', col quale espone la sua idea per un nuovo modello di economia con un principio fondante alla base che recita: "non può esistere un capitale economico senza un capitale sociale che lo sostenga. Di fatto non esiste economia senza società, senza persone, senza cooperazione, senza solidarietà..." .
Il 31 maggio 2011 si è svolta l'Assemblea annuale della Banca d'Italia. Dal "mondo dopo la crisi", alla "riforma della finanza", alla "economia italiana", sono stati molti i temi toccati dal Governatore uscente di palazzo Koch, Mario Draghi, che ha concluso la sua sesta e ultima assemblea annuale con l'esortazione a tornare a crescere. In allegato pubblichiamo la relazione annuale sul 2010, le considerazioni finali del Governatore Draghi, il capitolo XIII sulla finanza pubblica e l'appendice completa.
In tema di federalismo, facendo seguito al commento sul decreto per la perequazione infrastrutturale pubblicato sulla Short Note n. 1/2011, CeRM propone un'analisi del decreto "gemello", quello che dovrebbe guidare la rimozione, o quantomeno il riassorbimento, degli squilibri economico-sociali territoriali.
In allegato pubblichiamo lo studio contenuto nel Supplemento al Bollettino statistico n.67 della Banca d'Italia dedicato alla valutazione della ricchezza delle famiglie italiane. .
L’Istat rende disponibile una raccolta di tavole statistiche sulla coesione sociale la cui realizzazione è il risultato della collaborazione, all’interno del Sistema statistico nazionale, tra Istituto nazionale di previdenza sociale (Inps), Ministero del lavoro e delle politiche sociali e Istat.  
Il Consiglio dei Ministri del 26 novembre ha dato il via libera al Piano nazionale per il Mezzogiorno. Il documento individua otto "grandi priorità", di cui tre aree "strategiche di sviluppo" e cinque aree "strategiche di carattere orizzontale". In particolare le tre priorità strategiche di sviluppo sono: infrastrutture, ambiente e beni pubblici; competenze ed istruzione; innovazione, ricerca e competitività. Mentre le cinque ulteriori priorità strategiche di carattere orizzontale riguardano: sicurezza e legalità; certezza dei diritti e delle regole; pubblica amministrazione più trasparente ed efficiente; Banca del Mezzogiorno; sostegno mirato e veloce per le imprese, il lavoro e l'agricoltura.
Il Governatore di Bankitalia, Mario Draghi, nelle sue considerazioni finali svolte ieri all'assemblea annuale dell'istituto ha lanciato un duro attacco all'evasione fiscale, causa della cosiddetta "macelleria sociale" e sull'impatto economico provocato dai fenomeni di corruzione e di criminalità organizzata
Pagina 1 di 8