Cala la spesa sanitaria in Italia. Si risparmia sempre di più e nel nostro paese spendiamo il 24% in meno della media Ue. Ma ulteriori tagli non sarebbero sostenibili per il Sistema sanitario nazionale. L'allarme arriva dall'analisi contenuta nel IX Rapporto sanità Cies (Center of economic and international studies) - Crea (Consorzio per la ricerca economica applicata in sanità) dell'Università Tor vergata di Roma.
Pubblichiamo in allegato la relazione di Paola Manca, Legautonomie, al seminario formativo sul gioco d'azzardo organizzato da Libera - coordinamento regionale Veneto - che si è svolto a Calalzo (BL) il 20, 21 e 22 settembre.
Presso la Commissione lavoro del Senato, è intervenuto il Ministro del lavoro Giovannini per riferire sugli indirizzi generali della politica del suo Dicastero con particolare riguardo alle politiche sociali. I trasferimenti operati dal Ministero alle Regioni (Fondo nazionale per le politiche sociali e Fondo per le non autosufficienze) sono stati negli ultimi anni drasticamente ridotti (in allegato l'audizione con le schede). Con la legge di stabilità 2013 i due Fondi maggiori sono stati parzialmente rifinanziati per un ammontare pari a poco più della metà della loro dotazione storica complessiva (intorno al miliardo di euro). Al di là delle problematiche specifiche relative all’erogazione del Fondo per le politiche sociali del 2013, per le quali il Fondo non è ancora nella piena disponibilità del Ministero e delle Regioni, le risorse per le Regioni sono nuovamente azzerate a partire dal 2014.
La nuova social card è operativa. Con un budget di 50 milioni di euro è destinata a famiglie in condizioni economiche e lavorative di estremo disagio, in cui siano presenti dei minori, con il dichiarato intento di contrastare il diffondersi delle condizioni di povertà assoluta nel Paese. L'iniziativa, firmata dal governo Monti, verrà sperimentata in dodici città (Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Venezia e Verona) e convivrà con la vecchia carta, quella voluta dal governo Berlusconi.
Il Censis e l’Ismu hanno realizzato per il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali una ricerca presentata a Roma la scorsa settimana da Giuseppe Roma, Direttore Generale del Censis, Giancarlo Blangiardo, della Fondazione Ismu, e Natale Forlani, Direttore Generale dell’Immigrazione e delle Politiche di Integrazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. E' intervenuto Paolo Reboani, Presidente di Italia Lavoro, e ha concluso il convegno Maria Cecilia Guerra, Viceministro del Lavoro e delle Politiche Sociali.
Sono più 160 i Comuni che hanno già sottoscritto il "Manifesto dei sindaci per la legalità contro il gioco d'azzardo", promosso da Terre di Mezzo e Legautonomie, con cui gli amministratori chiedono di avere più poteri di programmazione, controllo e ordinanza per contrastare il fenomeno del gioco d’azzardo e limitare le conseguenze sociali sui territori che amministrano. Legautonomie e Terre di Mezzo hanno affiancato alla diffusione del manifesto il lavoro di scrittura - da parte di un team di esperti che coinvolge costituzionalisti, sindaci e assessori - di una legge quadro nazionale di iniziativa popolare sul gioco d’azzardo.  
Un settore che non conosce crisi, che crea dipendenze patologiche e dove le infiltrazioni mafiose proliferano. Angela Fioroni, direttrice di Legautonomie Lombardia ha raccontato in un libro la battaglia dei sindaci contro un nemico più grande di loro, il gioco d'azzardo. Il libro è nato dalla campagna dei sindaci contro il gioco d’azzardo, promossa dalla Scuola delle buone pratiche (a cura di Legautonomie e Terre di mezzo), fotografa la situazione in Italia, racconta la battaglia delle amministrazioni comunali contro il gioco d'azzardo, rivela le contraddizioni e le inadeguatezze delle attuali leggi in materia, e ci invita a partecipare a questa battaglia con i mezzi della consapevolezza, della cultura, della condivisione. Legautonomie ha raccolto in un dossier oltre 70 regolamenti comunali sul gioco d'azzardo, oltre alla normativa e l'attività parlamentare sul tema.  
In allegato la delibera n. 144 del 21 dicembre 2012 del CIPE, il comitato interministeriale per la programmazione economica, relativa al Fondo sanitario nazionale 2011, ossia la ripartizione tra le regioni della quota destinata al finanziamento della sanità penitenziaria.
E' stata presentata a Milano, all'interno della fiera "Fà la cosa giusta!" la campagna sui problemi e i pericoli legati alla diffusione del gioco d'azzardo nei nostri comuni, promossa da Legautonomie, Terre di Mezzo e la Scuola delle Buone Pratiche, La richiesta unanime degli amministratori locali di non essere lasciati soli a sostenere le difficoltà dei cittadini e le bocciature dei propri regolamenti da parte dei Tar è confluita nella decisione di organizzarsi intorno a un Manifesto per avere più forza, scambiare pratiche e attività e chiedere con fermezza una legge quadro nazionale, leggi regionali e potere di ordinanza per i sindaci.  
Pagina 6 di 19