L'intervento del neo eletto Presidente nazionale di Legautonomie Marco Filippeschi, sindaco di Pisa, a conclusione del XV Congresso nazionale che si è tenuto a Firenze il 23 e 24 gennaio 2010.
E’ Marco Filippeschi, sindaco di Pisa, eletto alla scorse amministrative del 2008 per il centrosinistra, il nuovo Presidente nazionale di Legautonomie. Filippeschi succede a Oriano Giovanelli, deputato ed ex sindaco di Pesaro, che ha guidato l’associazione dal 2001 ad oggi. La nomina del nuovo Presidente è avvenuta a conclusione della prima giornata del XV Congresso nazionale di Legautonomie, in corso a Firenze dal 22 al 23 gennaio 2010. Nella sua relazione di insediamento Filippeschi ha indicato la via maestra dell’azione politica futura di Legautonomie: impegno sulle riforme istituzionali e contrasto alla crisi della politica. “Il potenziale di rinnovamento delle autonomie è sfidato da un centralismo asfissiante promosso da una campagna contro l’autonomia finanziaria statuaria e organizzativa degli enti locali. Difendere le prerogative del sistema delle autonomie significa difendere in primis i diritti di cittadinanza nel nostro Paese”, ha affermato Filippeschi.
Il Congresso regionale si è svolto in preparazione del XV Congresso nazionale della Lega delle Autonomie locali, che si svolgerà a Firenze 22 e 23 gennaio 2010, e precede l'avvio delle celebrazioni del 150° anniversario dell'Unità d'Italia Al Congresso regionale si è discusso sui temi di più stretta attualità quali: la crisi economica e sociale; l'attuazione del federalismo fiscale; il codice delle autonomie; il patto di stabilità. E' stato, inoltre, l'occasione per una riflessione più generale sul ruolo delle autonomie locali nella storia dell'unità nazionale.
Relazione di apertura svolta da Gaetano Sateriale